La società civile contro le pagliacciate omofobe di Forza Nuova



L'impressione è che le pagliacciate omofobe di Forza Nuova abbiano un effetto diametralmente opposto a quello sperato dai gruppi di estrema destra dato che pere impossibile non rimanere disgustati dinnanzi a simili forme violenza. E se è vero che i neofascisti stanno ottenendo il plauso dell 0,6% di adonolfiniani, è altrettanto vero che la loro azione sia condivisa solo da chi è già ideologicamente perso nel baratro dell'omofobia ma non aiuti certo a trovare consensi fra la gente per bene. Anzi.

Sull'accaduto riceviamo e ripubblichiamo volentieri l'opinione espressa dalla pagina Facebook "Social News", la quale afferma:

In Comune si celebra l’unione civile tra due ragazzi dello stesso sesso. I militanti di Forza Nuova decidono di dar vita a una vile e lugubre manifestazione per le vie del centro: uno sparuto agglomerato di muti invasati vestiti di nero, dagli sguardi atterriti, che trascinano una bara – a loro detta, il simbolo della morte della famiglia “tradizionale”. Percorrono indisturbati tutta via Malatesta Novello e giungono in piazza del Popolo, proprio nel momento in cui la coppia esce dal Palazzo del Comune per festeggiare l’unione. Tempistiche coordinate, percorso prestabilito, sotto gli occhi delle forze dell’ordine, il cui intervento è stato evidentemente necessario, ma comunque tardivo. Già in occasione della prima unione civile la città era stata tappezzata di manifesti incitanti all’odio e alla discriminazione, ma la faccenda è ben presto finita nel dimenticatoio.
A partire dal 20 maggio 2016, la legge non è dalla parte di questi estremisti. Al contrario, la legislazione italiana riconosce e legittima l’esistenza delle unioni tra persone omosessuali, e pertanto dovrebbe anche tutelarne la realizzazione. E nonostante l’intimità di queste celebrazioni, in cui solo l’amore dovrebbe avere voce in capitolo, e che nulla hanno a che fare con la politica, manifestazioni di questo tipo hanno luogo.
Non perderemo nemmeno tempo con i ridicoli militanti di Forza Nuova. Ci rivolgiamo piuttosto alle istituzioni, e chiediamo loro: sarebbe mai stata autorizzata una simile dimostrazione contro un matrimonio eterosessuale? Perché questi individui hanno ancora il diritto di intromettersi nelle vite private, ragazzi omosessuali proprio sotto gli occhi delle istituzioni?
Malgrado lo sconforto per simili attentati alla civiltà della bellissima città, vogliamo provare a sorridere, facendo i nostri più calorosi auguri a Marco e Matteo, certi che un piccolo gruppo di dimenticati, non possa essere talmente arrogante da credere di rappresentare il paese intero .
Nella foto il commento vergognoso dell'autore di questa vergognosa pagliacciata che dimostra il livello di cultura dei fascisti.
4 commenti