Sanremo, Mika omaggia George Michael dal palco dell'Ariston



«Odio fare cover, ma lui era il mio idolo». Così Mika ha introdotto il suo omaggio sanremese a George Michael attraverso l'esecuzione di "Jesus to a Child", il brano che risulta un malinconico tributo all'amico brasiliano di Michael, Anselmo Feleppa, con il quale si era esibito a Rio de Janeiro nel 1991. Feleppa era morto due anni prima di Aids e George Michael non era stato in grado di scrivergli negli ultimi 18 mesi, così pensò di dedicargli quel testo.
Non appena salito sul palco, il cantante libanese ha parlato di diritti lgbt: «La musica fa cambiare il colore della mia anima. Posso essere bianco, blu, violetto... tutto. E' molto bello essere di tutti i colori. E se qualcuno non vuole accettare tutti i colori del mondo e pensa che un colore è migliore e deve avere più diritti di un altro o che un arcobaleno è pericoloso perché rappresenta tutti i colori.. Beh, peggio per lui. Sinceramente, questo qualcuno lo lasciamo senza musica».
Mika ha anche annunciato che la Rai produrrà una seconda stagione di "Casa Mika".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]
Commenti