Negli Stati Uniti spuntano cartelli anti-trans e camerieri che si credono agenti dell'immigrazione



Sotto la guida di Donald Trump, in America la situazione pare ormai fuori controllo. Dalla California giunge notizia di alcuni camerieri che si credevano agenti anti immigrazione nel loro rifiutarsi di servire clienti stranieri senza che gli fosse permesso di visionare il loro permesso di soggiorno, in Oklahoma un ristorante ha affisso cartelli con scritto: "qui non abbiamo bagni per i transgender".
Scene che paiono rievocare il nazismo, ma unite da quel filo conduttore che vede il cristianesimo citato come giustificazione ad ogni più bieca e violenta forma di odio e di discriminazione.

Commenti