Adinolfi attacca Macron e la moglie: «Il loro rapporto è innaturale, è troppo vecchia»



Adinolfi non perde mai occasione per esprimere la sua becera opinione su ogni cosa. Dopo il primo turno delle elezioni francesi (che hanno visto vincente Macron) Adinolfi si è scagliato contro di lui e contro sua moglie:

Macron è sposato con Brigitte che ha 24 anni più di lui, mia madre quando mi ha partorito aveva 24 anni. Ecco, se scegli per moglie una che può essere tua madre non stai bene, è oggettivamente qualcosa di innaturale. Sarebbe innaturale un 64enne che sta con una 39enne? Lo sarebbe meno, al netto di ogni luogocomunismo politicamente corretto, la natura spiega facilmente il perché. In Francia si insiste molto su Brigitte come copertura di un'omosessualità di Macron non ostentata ma inserita in una logica di lobbismo gay. Forse non è rilevante. Ma che in Francia si passi dalla Premiére Dame ad una sorta di Premiére Mum non è solo una nota a margine di costume.

Oltre allo squallido (seppure riuscito) tentativo di emergere un pochino con le sue sparate desolanti, Adinolfi mostra anche una certa incoerenza con quanto detto. Intanto lui è sposato con una moglie di 15 anni più giovane, ha esaltato Trump che (oltre ad essere un pluri divorziato) ha una moglie di 24 anni più giovane di lui e santifica la madonna che (non va dimenticato) è rimasta incinta a 14 anni. Non è che oltre l'omofobia Adinolfi abbia anche un forte sessismo; un uomo che sta con una donna molto più giovane va benissimo ma se una donna sta con un uomo anch'esso molto più giovane è catastrofico.

Marco S.

PS non è magnifico che (secondo Adinolfi) le lobby gay hanno in mano il monto intero ma (sempre secondo lui) uno per candidarsi a un elezione intraprende una storia con una persona pur di coprire la propria omosessualità.
1 commento