Cinque città chiedono interventi contro la persecuzione dei gay ceceni



Cinque città sono scese in piazza per manifestare solidarietà alla comunità gay cecena, vittima di una violenta repressione da parte delle autorità. A Roma, Napoli, Caserta e Ferrara i manifestanti chiedono una presa di posizione delle istituzioni contro quello che si preannuncia come un nuovo omocausto. A loro si aggiunge anche la voce di Milano, scesa in piazza lo scorso 18 aprile.
Intanto il Comune di Torino, guidato da Chiara Appendino, ha deciso di apporre una bandiera rainbow, per chiedere sia fatta luce su quanto sta accadendo in queste ore in Cecenia.
2 commenti