Festa della liberazione. A Verona il circolo Chrius Rex celebra le vittime fasciste



È stato il forzanovista Matteo Castagna, presidente del circolo Christus Rex di Verona, ad aver organizzato una commemorazione per i fascisti caduti presso il Cimitero Monumentale di Verona in occasione della festa della liberazione. Il tutto alla presenza di minori.
L'esponente di estrema destra era recentemente riuscito ad ottenere visibilità mediatica con la sua organizzazione del convegno in cui l'adinolfiniana Silvana De Mari andava in giro brandendo un'accetta mentre spergiurava che san Giuseppe era un invito all'uso della forza contro quegli islamici che lei odia con tutta sé stessa. Ed è sempre strizzando l'occhio all'estrema destra che Christus Rex non si è astenuto dal suo classico uso politico della religione con l'organizzazione di rosari dedicati ai soldati fascisti.

Ma non è finita qui, dato che sul sito ufficiale dell'organizzazione troviamo anche testi antisemiti che pare incredibile possano essere pubblicati nel 2017, ovviamente pubblicate nella sezione "omelie" giusto per attribuire loro una qualche valenza religiosa. Citando un congresso rabbinico paneuropeo tenutosi a Budapest il 12 gennaio 1952, scrivono:

Vi posso assicurare che l’ultima generazione di bambini bianchi, o al massimo la penultima, sta nascendo ora! Le nostre commissioni di controllo favoriranno, nell'interesse dalla pace, il meticciato dei bianchi con altre razze.
La razza bianca scomparirà, perché la mescolanza di bianchi e negri significa la fine dell’uomo bianco, per cui il nostro più pericoloso nemico non sarà più che un ricordo. Entreremo in un’era di mille anni di pace e prosperità: la pax judaica, e la nostra razza dominerà indiscutibilmente il mondo. La nostra superiore intelligenza ci permetterà sicuramente di conservare un facile dominio su un mondo di razze di colore.

Tesi che appaiono preoccupanti di per sé, ma che diventano intollerabili se si considera come Castagna collabori con la Regione Veneto per promuovere l'omofobia e risulta uno degli "esperti" convocati dalla Regione Basilicata per scrivere la mozione "anti-gender" voluta dalle destre.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]
Commenti