Gay perseguitati in Cecenia, sabato un presidio a Varese



Dinnanzi alle gravi notizie che continuano a giungere dalla Cecenia, il paese della Federazione Russa in cui centinaia di gay sono stati arrestati e torturati in virtù del loro orientamento sessuale, anche Varese scenderà in piazza per manifestare la propria solidarietà alle vittime di quell'inaccettabile persecuzione.
L'appuntamento è per sabato 29 aprile in piazza Monte Grappa, a Varese, con il presidio organizzato da Arcigay.
«Ciò che sta accadendo in Cecenia non deve assolutamente cadere nel silenzio -dichiara Giovanni Boschini, presidente di Arcigay Varese- Per questo è importante che tutta la comunità Lgbti e non solo si mobiliti: ma soprattutto che la politica, anche locale, prenda posizione con gesti di solidarietà contro questi terribili accadimenti alla quale dedicheremo spazio durante il prossimo Varese Pride. Il nostro presidio non sarà solo di sostegno morale alla comunità cecena: raccoglieremo fondi da destinare al Russian Lgbt Network per aiutare a finanziare il piano di evacuazione d’emergenza per gli omosessuali a rischio nel Paese».
Commenti