Il padre di Marine Le Pen ha attaccato il tributo al poliziotto gay ucciso sugli Champs-Elysées



Il padre di Marine Le Pen, nonché fondatore del suo partito, ha duramente attaccato il compagno del poliziotto ucciso sugli Champs-Elysées, sostenendo che l'uomo abbia «esaltato» il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
L'ex reggente del partito di estrema destra si è detto infastidito dalla commemorazione pubblica che ha dato spazio al tributo del suo compagno, sostenendo che «la partecipazione coniuge e il lungo discorso pronunciato in qualche modo ha istituzionalizzato il matrimonio in gay, esaltandolo pubblicamente».
Sua figlia, che nel suo programma politico si è impegnata ad abolire il matrimonio egualitario in Francia, era presente alla commemorazione insieme allo sfidante Emmanuel Macron.

Ma quell'intervento non è stato l'unico incidente di percorso per Marine Le Pen. Dopo la sua autospensione dalla presidenza del Front National «per diventare la candidata di tutti i francesi e non di un partito» ha consegnato il suo partito nella mani di Jean-François Jalkh, un negazionista dell'Olocausto.
È stato il quotidiano cattolico "La Croix" a rispolverare alcune sue frasi pronunciate nel 2000 in merito alle camere a gas e allo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti: «Io dico che tra i cosiddetti revisionisti ci sono dei provocatori e delle persone serie, come per esempio Faurisson. E dico che di queste cose si può parlare, discutere. Per esempio ho parlato con un chimico a proposito dello Zyklon B e ritengo, da un punto di vista tecnico, che è impossibile, insisto impossibile, utilizzarlo in un'operazione di sterminio di massa. Perché? Perché ci vogliono alcuni giorni prima di decontaminare un locale in cui è stato utilizzato dello Zyklon B».
Faurisson è stato più volte condannato per "contestazione di crimini contro l'umanità" mentre lo Zyklon B è il gas che veniva impiegato nelle camere a gas all'interno dei centri di sterminio nazisti. Si stima che i tedeschi abbiano usato lo Zyklon B per uccidere circa un milione di persone durante l'Olocausto.
2 commenti