Mosca mette al bando i ritratti di Putin in versione drag. Prevista la reclusione per chi dissente



Le autorità russe hanno approvato la legge che mette al bando il disegno che mostra il presidente russo truccato come un drag queen che venne utilizzata nel 2013 in protesta alle sue leggi anti-gay. Ogni riproduzione dell'immagine è stata vietata e si la sua pubblicazione potrà costare il carcere.
La decisione è giunta dopo la sentenza della corte di Tver che ha condannato l'attivista A.V. Tsvetkov per aver osato pubblicare la vignetta sul social network Vk. L’account di Tsvetskov è stato chiuso e l'uomo condannato. Evidentemente nella terra esaltata da Brandi e Salvini, la libertà di parola o di espressione è sempre meno tollerata.
3 commenti