Texas. I conservatori approvano in prima lettura la legge che criminalizza la masturbazione maschile



Il Texas potrebbe approvare una legge che criminalizza la masturbazione maschile. Sembra una barzelletta, ma il governo repubblicano ha già approvato il testo in prima lettura.
La norma era nata proposta come una provocazione satirica volta a criticare le leggi integraliste che vorrebbero limitare la salute riproduttiva delle donne. Da qui l'idea di rovesciare i ruoli, che solitamente vedono uomini che vorrebbero imporre i parto alle donne, per proporre una multa di 100 dollari a tutti i maschi che dovessero essere colti a masturbarsi all'esterno di strutture mediche approvate che possano garantire una finalità riproduttiva al loro sperma.
La proposta pare sia piaciuta ai conservatori, tanto da approvarla in prima lettura. Il testo prevede pene contro «ogni emissione masturbatoria non regolata fuori dalla vagina di una donna o al di fuori di una struttura medica o sanitaria, sarà sanzionata con 100 dollari ciascuna e sarà considerato un atto contro un bambino non nato e contro la sacralità della vita».
8 commenti