Una petizione per proteggere ong ungheresi



Il 26 aprile prossimo il Parlamento Europeo discuterà della situazione in Ungheria, decidendo se prendere posizione contro la recente proposta di legge di Orban che imporrebbe la registrazione come "agenti stranieri" a tutte le ong che ricevono più di 23.000 euro all'anno da donatori esteri.
Un'analoga legge in Russia ha provocato la chiusura di decine di organizzazioni per i diritti umani e per la democrazia, dopo che l'opinione pubblica è stata messa contro di loro ed è stata spianata la strada per ulteriori persecuzioni da parte del governo.
La Civil Liberties Union for Europe ha promosso una petizione che chiede al Parlamento europeo di prendere una posizione che tenga fede agli impegni assunto da tutti i governi europei per la difesa dei diritti e della democrazia, fortemente minacciati da una simile legge.

Clicca qui per firmare la petizione.
2 commenti