Cecenia. La polizia invita le famiglie ad uccidere i figli gay prima che siano loro a farlo



Secondo quanto riferisce France 24, le forze di polizia cecene starebbero invitando i genitori di persone gay ad ammazzare i loro figli prima che siano loro a farlo nei campi di prigionia. Suggeriscono anche di far ricorso al "delitto d'onore", ormai depenalizzato nella repubblica che è parte della federazione russa.
Un sopravvissuto ha spiegato come la polizia stia promuovendo una linea basata sul "o lo fai tu, o lo faremo noi".
L'uomo, la cui identità è stata tenuta nascosta per proteggere la sua sicurezza, è riuscito a fuggire da uno dei campi di concentramento gay istituiti dalle autorità cecene ed ha raccontato all'emittente francese di come la polizia inviti i genitori degli uomini gay di «risolvere il problema» se non vogliono rischiare che siano le autorità a gestire la questione. «Lo chiamano "pulire l'onore con il sangue"», ha spiegato.
La scorsa settimana sono stati scoperti altri quattro campi di concentramento, portando ad almeno sei i campi in cui vengono detenuti e torturati uomini sospettati di essere gay o bisessuali.
Il sopravvissuto ha spiegato di aver assistito a veri e propri ultimatum impartiti alle famiglie: «Hanno torturato un uomo per due settimane e poi hanno convocato i suoi genitori e fratelli che tutti sono venuti. Le autorità hanno detto loro: "Tuo figlio è un omosessuale, risolvi il problema o lo faremo noi stessi"».
La vittima ha poi aggiunto: «Siamo sempre stati perseguitati, ma mai come in questo momento. Stanno arrestando tutti. Uccidono le persone, fanno quello che vogliono».
10 commenti