Russia. Arrestati i manifestanti che protestavano contro la persecuzione dei gay ceceni



Come ormai triste consuetudine, la manifestazione del 1° maggio tenutasi a San Pietroburgo si è conclusa con l'intervento della polizia e con una serie di arresti di attivista lgbt. Sono ormai anni che gli attivisti lgbt partecipano alla parata ed ogni volta si registra l'ira delle autorità.
Questa volta una decina di persone hanno voluto manifestare contro la persecuzione dei gay ceceni, stendendosi a terra ricoperti di sangue. La loro richiesta è che il leader ceceno Ramzan Kadyrov sia processato presso la Corte internazionale di giustizia de L’Aia.
La polizia è intervenuta ed ha letteralmente trascinato via i manifestanti per condurli in carcere.

Immagini: [1] [2] [3] [4]
4 commenti