Peschiera del Garda. Escluso dal mercatino, sua unica fonte di guadagno, viene bollato dal consigliere comunale come il «trans di merda che vuole fare il mercatino»



È l'avvocatessa Cathy La Torre di GayLex a denunciare l'ennesimo caso di transofobia istituzionalizzata. Dalla sua pagina Facebook, racconta una storia agghiacciante:

Accade a Peschiera del Garda che Alessio, un uomo trans, venga escluso da un mercatino di artigianato. Sua unica fonte di guadagno. Senza motivo o giustificazione.
Si rivolge dunque a un Consigliere comunale di maggioranza, prende un appuntamento telefonico con la sua segreteria. Dopo 24 ore la segreteria disdice l'appuntamento. Allora Alessio trova il numero di cellulare di questo Consigliere, pubblico sul sito del Comune. Lo contatta per chiedergli un appuntamento. Il Consigliere gli dice di prendere appuntamento presso la segreteria e di non importunarlo.
Alessio risponde scusandosi e precisando che il numero è pubblico.
Il Consigliere, che nel frattempo sta inoltrando i messaggi di Alessio a qualcun altro, manda per sbaglio il messaggio indirizzato ad altri ad Alessio. E guardate cosa scrive: "Questo è il trans di merda che vuole fare il mercatino".
Alessio farà causa per ingiurie al Consigliere. Ma noi possiamo indignarci e far sì che questo Consigliere paghi anche politicamente le sue offese?

Clicca qui per guardare il messaggio inviato dal consigliere.
1 commento