Trovati i resti del corpo di Vincenzo Ruggiero. È stato fatto a pezzi, cosparso con acido e cementificato



Il corpo di Vincenzo Ruggiero, l'attivista gay 25enne ucciso lo scorso 7 luglio nel Casertano, sarebbe stato fatto a pezzi e cosparso di acido cloridrico prima di essere cementificato in un buco del pavimento del corridoio di un autolavaggio abusivo. È quanto ipotizzano le autorità nel ritenere sia lui il cadavere trovato ieri dai carabinieri di Aversa in una sorta di garage adibito ad autolavaggio nel quartiere Ponticelli di Napoli.
L'omicidio è stato commesso da Ciro Guarente, un 35enne dipendente civile della Marina Militare, che ha ucciso e poi cercato di occultare il corpo di Vincenzo perché geloso della convivenza fra Ruggiero e Heven Grimaldi, transessuale di Aversa.
L'assassino era stato arrestato qualche giorno fa ma il corpo, che stando alla sua dichiarazione sarebbe stato gettato in mare, non era ancora stato ritrovato.
Commenti