Gli Stati Uniti di Trump votano contro la condanna della pena di morte per i gay



Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che condanna la pena di morte inflitta sulla base dell'orientamento sessuale. Il testo condanna l'uso della pena di morte inflitta «arbitrariamente o in modo discriminatorio», chiede la sua proibizione quale sanzione a «forme di comportamento, come l'apostasia, la blasfemia, l'adulterio e le relazioni consensuali dello stesso sesso» e ne critica l'uso su minori, persone mentali e donne in gravidanza. È la prima volta che il Consiglio dei Diritti Umani ha condannato la pena di morte per le persone gay.
Dei 47 Paesi del Consiglio dei diritti umani, 27 hanno votato a favore mentre 13 stati hanno espresso parere contrario.
Gli Stati Uniti hanno votato contro la mozione, insieme a Botswana, Burundi, Egitto, Etiopia, Bangladesh, Cina, India, Iraq, Giappone, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Cuba, Corea del Sud, Filippine, Indonesia, Tunisia, Nigeria, Kenya si sono astenuti.

Ci sono attualmente sei paesi in cui la pena di morte viene applicata per punire le relazioni tra persone dello stesso sesso: Iran, Arabia Saudita, Sudan e Yemen, oltre ad alcune regioni della Nigeria e della Somalia. La pena di morte viene effettuata anche dalle aree controllate dall'ISIS nell'Iraq settentrionale e nella Siria settentrionale.
Afghanistan, Mauritania, Pakistan, Qatar e UAE prevedono la pena di morte per i gay, ma non si registrano esecuzioni. Nel 2014 il Brunei ha approvato una legge che consente la condanna morte per omosessualità, ma la norma non è ancora entrata in vigore.
3 commenti