L'Egitto propone di vietare l'ateismo



Una commissione parlamentare egiziana ha annunciato la presentazione di una proposta di legge finalizzata ad introdurre un divieto all'ateismo. La loro tesi è che l'ateismo possa causare degli “squilibri mentali” che, a loro volta, porterebbero all'omosessualità.
Si tratta di tesi prive di qualunque scientificità, emblema di una politica che sosterrebbe qualunque cosa pur di giustificare odio e pregiudizi. Il primo firmatario è Riad Abdel Sattar, un politico che va in giro a sostenere che l'omosessualità debba essere ritenuta una “malattia”.
Da tempo le autorità egiziane hanno intensificato la repressione delle persone lgbt, proponendo anche un'altra legge che mira a criminalizzare l'omosessualità con pene detentive da uno a tre anni. Il testo della norma prevede anche sia «severamente vietato portare qualsiasi simbolo o segno della comunità omosessuale, così come è vietato produrre, vendere, commercializzare o promuovere tali prodotti».
Commenti