Il matrimonio egualitario scompare dal programma del Pd



Dapprima annunciata, poi misteriosamente scomparsa. È la promessa di una legge sul matrimonio egualitario ad essere stata cancellata dal programma del Pd. Pare abbastanza evidente che una simile scelta possa essere stata compiuta per non infastidire l'integralismo cattolico (quello che i gay li vorrebbe "curare") e quella Chiesa Cattolica che si sta macchiando del vile contributo a una crociata ideologica contro le minoranze al solo fine di non mettere in discussione il proprio potere temporale. Dato che accettare i  gay significherebbe ammettere che qualcosa non torni nelle loro condanne alla sessualità umana, allora è meglio contribuire ad un clima d'odio che semina morte e infelicità nel nome di Dio, persino nella noncuranza di come tale atteggiamento stia provocando la morte della Chiesa.
Se nel resto del mondo il matrimonio egualitario è ormai una realtà per migliaia di cittadini, in Italia si passa da una Eugenia Roccella che promette l'abolizione delle famiglie a lei sgradite ad un Partito Democratico che le accetta solo se ritenute inferiori rispetto ai due nuclei famigliari di Mario Adinolfi o delle molteplici compagne di Matteo Salvini. E se la destra pare ambire al Ventennio, la sinistra non sembra capace neppure di eguagliare le destre europee in quel quadro in cui verrebbe da osservare che l'Italia si meriti di essere il fanalino di coda, la vergogna dell'Europa.
E pensare che la Costituzione prevederebbe che la Repubblica riconosca la famiglia naturale. Vien da sé che "riconoscere" non significa certo tollerare che un qualunque Adinolfi voglia pretendere di decidere le regole, così come poco dovrebbe importare di quegli avvicinato che si dicono "cattolici" mentre tentano di ridefinire il significato del termine "naturale" quasi fosse un sinonimo di "eterosessuale". Sono più di trent'anni che l'Oms ha sancito che l'omosessualità è naturale tanto quanto l'eterosessualità e che Adinolfi non ha "meriti" particolari nel provare piacere sessuale e fisico nel trombarsi molteplici donna, checché ne dicano quegli avvocato che citano la Madonna mentre esaltano le sue eiaculazioni.
Commenti