Visualizzazione post con etichetta Internet. Mostra tutti i post

Ecco a voi l'eggplant friday

Pubblicato il


B.o.B. è un popolare rapper statunitense. Vive a Decatur, in Georgia, e al suo attivo ha ben otto album editi fra il 2006 ed oggi. Il suo nome, però, pare destinato ad essere legato anche all'#EggplantFriday (letteralmente "eggplant" significa melanzana, ndr).
È quello, infatti, il tag con cui venerdì scorso il musicista ha pubblicato sui social network uno scatto che lo ritrae in cucina, con sguardo distratto, mentre dai pantaloni della sua tuta si distinguono chiaramente delle forme che solitamente si tendono a tener celate. Tanto gli è bastato per raccogliere 33mila like su Instagram ed altrettanti su Facebook.
Da lì a poco l'esempio è stato seguito da decine e decine di altri ragazzi, al punto che l'Urban Dictionary ha recensito il neologismo definendo l'Eggplant Friday come «un hashtag popolare sui social network in cui uomini particolarmente dotati fotografano il proprio pacco indossando pantaloni aderenti, in modo tale che la forma visibile ricordi quella di una melanzana».
Dinnanzi a tutta l'abbondanza che i vari utenti hanno proposto, qualcuno non ha mancato di ironizzare e di ipotizzare più pragmaticamente che in alcuni casi l'unica spiegazione possibile possa essere questa.

Clicca qui per visualizzare il post di B.o.B.


L'Italia è il Paese europeo con il minor numero di gay dichiarati su Facebook

Pubblicato il


Arcigay Agorà di Pesaro ha realizzato un'interessante indagine sul numero di gay dichiarato ce popolano le pagine di Facebook. Nelle premesse si specifica come tali numeri non rispecchino necessariamente l'intera popolazione o come non siano privi di incongruenze, anche se ciò non toglie come possano fornire qualche interessante spunto di riflessione.
Il numero di iscritti italiani mensilmente attivi sul social network corrisponde a circa il 44% del numero di residenti ed un 44% di loro ha inserito un orientamento sessuale. Attraverso gli strumenti pubblicitari forniti da Zuckerberg, questi numeri risultano scomponibili sulla base del genere, della fascia di età e della localizzazione. Le persone che si dichiarano gay, lesbiche o bisex su Facebook sono 470.000, ossia il 4,03% degli iscritti che dichiarano un orientamento sessuale.
A livello di fascia di età, i minorenni (13-17) sono di gran lunga la categoria meno disposta a dichiararsi (2,11%) forse a causa delle difficoltà nell'accettare o dichiarare il proprio orientamento sessuale durante l'adolescenza. La percentuale raggiungere il massimo picco tra i ragazzi di età compresa fra i 25 e i 34 anni d'età (4,82%). Le città di Milano e Bologna sono quelle con la popolazione lgb più numerosa in termini relativi (con rispettivamente il 9,06% e il 6,86%) mentre a Napoli e Palermo le percentuali scendono sotto la media sino a toccare il 3,42% e il 3,59%.
Confrontando i dati dell'Italia con quelli di altri paesi è possibile notare come la percentuale nostrana sia più bassa d'Europa, seguita dalla la Polonia con il 5,41%. In USA, Canada e Regno Unito si registrano percentuali del 6,93%, dell'8,09% e dell'8,69%. Tali numeri paiono rispecchiare le tabelle sulla qualità di vita delle persone lgbt, sottolineando come una maggiore omofobia e una minore tutela personale scoraggino i coming out pubblici.

Clicca qui per visualizzare l'infografica.


L'omofobo medio e il suo: «Io ho tanti amici gay»

Pubblicato il


Io ho tanti amici gay. È questa l'affermazione più abusata dagli omofobi. Quasi come in un copione già scritto, capita troppo spesso che quell'asserzione sia utilizzata per auto-assolversi da qualsiasi accusa di omofobia prima di lanciarsi in proclami traboccanti d'odio.
Alfano, Berlusconi, la Binetti, le Sentinelle in piedi... tutti hanno dichiarato ripetutamente di essere circondati da amici gay che la pensano come loro e che appoggiano incondizionatamente il loro pensiero. Certo che dinnanzi a così tanti amici gay (spesso si ha l'impressione che ne parlino quasi come se ne avessero molti di più degli stessi gay, ndr) viene automatico pensare che in realtà quelle persone non esistano affatto e siano solo creatire mitologiche al pari della fatina dei denti.
Ma ad addentrarsi nella questione, e a spiegare con arguzia i motivi per cui quelle parole sono un controsenso in termini, è stata la youtubber Nicole Manfredini. Classe 1991, si definisce «una giovane donna con l’hobby dell’umorismo, una studentessa con l'hobby dell'ansia, una lesbica con l'hobby dei diritti, una futura e-migrata con l'hobby dell'empatia per chi im-migra, una femminista con l'hobby della criticità e un sacco di altre cose».
A seguire trovate il video che pare chiarire qualunque dubbio sul fatto che i vari Alfano si prendano in giro nel sostenere di avere amici gay. Perché, se fossero davvero amici, come minimo bisognerebbe volere il meglio per loro e non lottare per impedire che possano avere delle tutele legali.

Clicca qui per guardare il video.


È partita la campagna #ugualidiritti

Pubblicato il


La campagna #ugualidiritti si basa su una rivendicazione semplice quanto basilare: i gay devono avere gli stessi diritti di tutti gli altri.
Per raggiungere questo obiettivo si è pensato di coinvolgere tutti gli utenti di Internet attraverso il lancio di una campagna fotografica virale che ruota attorno alla pagina Facebook ufficiale dell'iniziativa.
Chiunque voglia parteciparvi dovrà seguire poche e semplici regole: bisognerà prendere un foglio e scrivere la frase: «Mi chiamo [nome], sono il tuo [professione]. Sono [orientamento sessuale] e chiedo #ugualidiritti». Poi bisognerà scattarsi una foto in un contesto che rappresenti la propria quotidianità e condividerla sulla pagina dell'iniziativa.
L'idea è di mostrare come gli omosessuali non siano alieni, ma siano le persone con cui si ha a che fare tutti i giorni e di cui si ha bisogno. Allo stesso modo l'iniziativa è aperta anche a tutti gli etero che vorranno lanciare il messaggio che si può essere favorevoli alla parità di diritti anche quando non si è parte della minoranza.


La bambina che zittisce il predicatore: «A nessuno interessa quello che dici»

Pubblicato il


Sta diventando virale su Internet il video che mostra una bambina non identificata che ha cercato di azzittire un predicatore di strada a Salem, in Massachusetts.
Il filmato è stato realizzato da Robert Goss-Kennedy che, attraverso LiveLeak, commenta: «Ogni anno, durante la festa di Halloween, Salem viene inondata di predicatori di strada. Passano la maggior parte di ogni fine settimana del mese di ottobre a dirci di convertirci o di bruciare. Da un paio d'anni a questa parte sto registrando le loro interazioni con i passanti per un progetto d'arte e quest'anno una bambina si è presentata davanti a questo giovane ragazzo stava predicando».
La piccola ha esordito con un «Smettila di parlare, nessuno ti ascolta» prima di aggiungere un «nessuno vuole sentirti. Taci, questo dovrebbe essere un posto tranquillo!». Ed ancora: «Blah, blah, blah, blah, blah, blah!/raquo;.

Clicca qui per guardare il video.


Texas: per errore un'emittente ha pubblicato immagini porno gay al posto dell'aggiornamento sul traffico

Pubblicato il


È accaduto ad Austin, in Texas, dove un'emittente televisiva è solita pubblicare su Twitter alcuni aggiornamenti del traffico. Lo scorso mercoledì, però, sul profilo ufficiale della Time Warner Cable News non ha fatto capolino la consueta infografica, ma un collage composto da quattro fotogrammi presumibilmente tratti da alcuni film pornografici gay. Il tutto corredato dalla scritta «Troppi!».
Il tweet è stato cancellato da lì a breve e l'emittente televisiva si è scusata per l'accaduto, promettendo indagini interne. Su Internet, però, qualcuno ironizza e di domanda se non si fosse voluto proporre un modo per passare il tempo mentre si era in coda.
Questa non è la prima volta in cui un canale di news si è ritrovata a pubblicare materiale pornografico su Twitter. Lo scorso luglio fu la WREG di Memphis ad aver diffuso un link a Pornhub anziché il loro consueto aggiornamento meteo, così come la il 14 aprile scorso la US Airways twittò un'immagine particolarmente spinta che ritraeva una donna con un aeroplano giocattolo infilato nella sua vagina.


Esperimento sociale: quante persone fermerebbero un'aggressione omofoba?

Pubblicato il


Milano è una città moderna e all'avanguardia dal punto di vista dei diritti. Ma gli abitanti di una delle città con la mentalità più aperta d'Italia interverranno di fronte ad un'aggressione verbale di stampo omofobo?
È quanto si è chiesto TheShow (un noto canale YouTube dedicato agli esperimento sociali) che si è aggirato per le vie del capoluogo lombardo a filmare di nascosto la reazione dei passanti dinnanzi ad un'aggressione omofoba.
I risultati non sono certo edificanti: una sola persona è intervenuta, il 10% è intervenuta solo ad aggressione finita. Gli haltri sono rimasti a guardare. La prassi comune appare dunque il lasciar correre e far finta di non vedere, legittimando insulti e violenze.
«L'Italia non ha bisogno di "sentinelle" della discriminazione. Ha bisogno di diritti e discriminare non è un diritto» sentenzia un cartello al termine del video.

Clicca qui per vedere il filmato, qui per le reazioni alla rivelazione.


Esperimento sociale cileno: come reagiscono gli etero approcciati da un altro uomo?

Pubblicato il


È un esperimento sociale realizzato canale Youtube cileno Woki Toki, intenzionato a scoprire quali siano le reazione degli uomini quando vengono approcciati per strada da un altro uomo.
Il risultato è edificante: fra le otto persone prese in esame, solo una ha reagito male e in modo violento. Tra gli altri c'è chi ha apprezzato complimenti fisici, chi ha lasciato il proprio contatto Facebook («Sono un fotografo, se dovesse servirti») e chi ha accettato l'invito ad andare a bere qualcosa purché non appartati. C'è anche chi ha commentato: «Ammiro che tu cerchi approcci con altri uomini per strada dato che siamo una società che discrimina molto».
Insomma, l'impressione è che gli omofobi siano una minoranza, purtroppo sufficientemente violenza da riuscire ad imporsi nella società e a causare il clima di tensione che ben conosciamo (e che in Cile è ancor più grave che in Italia).

Clicca qui per guardare il video.


La discriminazione nella discriminazione

Pubblicato il


Come riconoscere se un gay è attivo o passivo? Semplice: se va in palestra è attivo, se tende ad «essere acido e pettegolo come una donna» è sicuramente passivo.
È quanto afferma un articolo pubblicato in rete che sta suscitando malumori su Facebook. Il ricorso a sterili stereotipi non si ferma certo qui e l'autrice del pezzo non ha dubbi nell'affermare che «un vero attivo non indossa mai un paio di pantaloni troppo attillati» o che «se vi trovate in discoteca e lui inizia a fare urletti e a ballare sulle note di una canzone orecchiabile, potete essere certi che è passivo. L'uomo attivo sa ballare, ma lo fa con stile e senza eccessi». Attenzione viene posta anche al viso: «se notate che si trucca, che mette la cipria, il mascara o il gloss, è un passivo al cento per cento. Un conto è usare creme idratanti, un altro è sembrare una donna!».
Riguardo alle preferenze sessuali, l'articolo asserisce che un attivo è sicuramente attratto «dal bacio nell'ano pre penetrazione. Non ama invece praticare la fellatio, e soprattutto non parla a ripetizione del suo pene. Chi lo fa è di sicuro passivo, un uomo virile non passa le ore a raccontare del proprio uccello e di come è potente nel sesso».
Quel che ne emerge è l'immagine di un passivo descritto come una sorta di donna mancata (il paragone viene riproposto più volte) mentre l'attivo è sinonimo di «virile». In altre parole, all'attivo viene data connotazione positiva, al passivo una negativa.


Leggi tutto il post »

The Naked Handstander, nudo per il mondo contro l'obsolescenza programmata

Pubblicato il


Nel 2005 Matt Harding raggiunse fama mondiale grazie ad un video che lo mostrava impegnato in una curiosa danza davanti ai più famosi monumenti di svariate località del mondo. Da quel momento apparve chiaro a tutti che come possibile creare materiale virale semplicemente compiendo gesti insoliti in luoghi ancora più in soliti.
Quella pare sia la chiave scelta anche dal creatore del progetto The Naked Handstander, intenzionato ad ottenere visibilità per la sua denuncia contro l'obsolescenza programmata attraverso la pubblicazione di una serie di scatti che lo ritraggo nudo e a testa in giù nelle più svariate località del mondo.
L'obsolescenza programmata è una politica industriale volta a definire il ciclo vitale di un prodotto in modo da renderne la vita utile limitata a un periodo prefissato (rendendolo inservibile o "fuori moda") in modo da giustificare l'entrata nel mercato di un modello nuovo.
Il collegamento con gli scatti non appare così evidente (seppur l'autore sottolinei come quelle immagini mostrino la bellezza del mondo in cui viviamo) anche se è facile pensare che possano ottenere maggiore visibilità e popolarità rispetto ad una denuncia più tradizionale. Innegabile, infatti, è come la navigazione internet ci conduca spesso a provare più curiosità sul perché un ragazzo mostri le proprie natiche nel bel mezzo di un deserto rispetto alla lettura di documenti legati a termini cacofonici, magari portandoci poi ad approfondire quei temi. Insomma, è un po' come con l'Ice Bucket Challenge che, pur avendo poca attinenza con la SLA, ha portato quella patologia all'attenzione di milioni di persone...

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Entro tre mesi Putin controllerà il web russo

Pubblicato il


Celebrato da Salvini, da Buonanno e dall'estrema destra, è attraverso l'intolleranza che Putin ha conquistato la simpatia dei fronti più omofobi occidentali. È dalle pagine de Il Giornale che Marcello Veneziani si è spinto sino a sostenere che grazie a lui la Russia sia diventata «la patria della religione e della famiglia», così come sono numerosi i manifestanti della varie Manif Pour Tous che gli attribuiscono il merito "cristiano" di aver costretto all'infelicità migliaia di giovani (che in virtù della legge contro la cosiddetta «propaganda omosessuale» non avranno modo di sapere che non sono gli unici al mondo a provare quelle pulsioni) e per aver condannato miglia di orfani ad una vita in orfanotrofio (dato non potranno più essere adottati da famiglie che vivono in paesi in cui il matrimonio egualitario è legale).
Ma è sin dal primo momento che è risultato chiaro a molti come quella politica non fosse altro che uno specchietto per le allodole finalizzato a distrarre l'opinione pubblica dai reali problemi del Paese, come la mancanza di libertà o la crescente corruzione. In pratica si è creato un nemico e lo si è consegnato in pasto all'opinione pubblica, permettendo alla politica di poter perseguire più comodamente i propri scopi.

In queste ore giunge la notizia di quello che appare proprio come uno dei piani di Putin per il controllo della società: attraverso la Roscomnadzor (l'ente preposto al controllo dei mass media) il leader russo intendere rendere obbligatoria una registrazione in Russia per tutte le società di comunicazione online straniere sin dal 1° gennaio 2015. Anche i server dovranno essere collocati fisicamente sul territorio, in modo tale che siano soggetti alla legge russa e a qualsiasi richiesta di censura o di verifica dovesse giungere dallo stato. In altre parole, la Russia avrà il pieno controllo delle informazioni Internet accessibili dai propri cittadini.
Anche in questo caso si è ricorsi ad un preteso: secondo Putin, infatti, la legge è stata resa urgente dalla «minaccia islamica». Ma appare difficile credere che il vero obiettivo non sia il controllo, con la richiesta di avere fisicamente i server di siti come Facebook, Google o Twitter fisicamente a propria disposizione per evitare dissidi interni o opposizioni al governo.
Il disegno di legge è stato approvato mercoledì scorso in seconda lettura dalla Duma. Nonostante sia necessario un altro voto prima che la norma possa passare alla Camera alta e infine al Cremlino, l'iter legislativo appare come una mera formalità a fronte di una decisione che appare sia stata già presa con scadenze già fissate da qui a tre mesi.


C'è chi viene pagato per scrivere commenti omofobi su Facebok?

Pubblicato il


Quando si parla di illazioni, è bene riproporre nel dettaglio l'intero percorso che ha portato a formularle dato che le varie tessere del mosaico sono gli unici elementi oggettivi. Ed è così che si parte da un messaggio inviatomi da Facebook in cui mi si informava che un contenuto segnalato era stato rimosso prima di poter essere analizzato. Come molti, anche a me capita di segnare eventuali contenuti con un'eccessivo odio omofobico nonostante Facebook sia solito soprassedere sostenendo che tali parole «non violano i nostri standard della comunità».
Pur non avendo traccia e memoria del commento specifico, la data della segnalazione mi fa pensare che si potesse trattare di un legato al post in cui TV Sorrisi e Canzoni ha invitato i lettori ad esprimersi in merito al bacio gay de "I Cesaroni", all'interno del quale si è riscontrato un elevato numero di commenti omofobi.
Visitando il profilo dell'autore del commento eliminato, i contenuti in cui mi sono imbattuto sono apparsi decisamente curiosi, con post al limite della pornografia ripetuti più e più volte secondo uno schema spesso utilizzato da chi fa spam. E che dire del fatto che una ragazza che odia i gay (e che quindi che presumibilmente non è lesbica) si metta a pubblicare presunti video porno di Miley Cyrus che poi rimandano a pagine promozionali? Il dubbio che quel profilo sia utilizzato per vendere servizi e condivisioni, così come appare confermato dal fatto che sia bastato segnalare uno qualunque dei suoi contenuti per ottenerne l'immediata cancellazione e la chiusura (o sospensione) dell'account.
Per chi non lo sapesse, la condivisione di link e commenti su Facebook è uno mercato fiorente, con siti specializzati che vendono link atti ad ottenere traffico verso i propri siti o per orientare l'opinione di chi legge i commenti inseriti in una pagina. Ad esempio ad un politico basterà  allungare qualche centinaio di euro per ottenere una pagina ricchi di commenti in cui lo si loda per l'operato, così come l'impegno di Facebook nel cercare di arginare tali fenomeno è spiegato anche da come risulti lesivo della sua economia (offrendosi come alternativa all'acquisto di visibilità attraverso gli spazi promozionali venduti direttamente dal social network).


Leggi tutto il post »

Da Boston a New York City in bicicletta per aiutare i senzatetto affetti da HIV

Pubblicato il


Dal 12 al 14 settembre Jack Mackenroth prenderà parte alla Braking AIDS Ride e percorrerà 300 miglia in bicicletta (circa 482 km) da Boston a New York City. L'obiettivo è quello di raccogliere fondi per Housing Works, un'associazione che si occupa di senzatetto affetti da HIV.
Lo stilista (intervistato da Gayburg nel marzo del 2009) ha contratto in prima persona il virus all'età di 24 anni e da allora è fra i più ferventi attivisti di quella causa. Mackenroth fa sapere che nelle ultime cinque settimane è riuscito a raccogliere circa 20mila dollari, ma il suo obiettivo è di riuscire raggiungere i 50mila. Per questo motivo ha deciso di lanciare una nuova raccolta basata sui social network, giocandosi in prima persona con alcuni incentivi alla donazione: chi donerà più di 100 dollari parteciperà ad una lotteria per vincere la sua bicicletta (nella foto) mentre chi supererà la soglia di 250 dollari verrà ringraziato attraverso un selfie in cui Mackenroth scriverà il nome del donatore sul proprio corpo (qui, qui e qui alcuni esempi).


Facebook: le pagine omofobe hanno effetti negativi sulla salute dei gay

Pubblicato il


L'esposizione a contenuti omofobici pubblicati su Facebook ha impatti negativi sulla salute delle persone. È quanto emerge da una ricerca condotta dall'Università La Sapienza di Roma e dall'Institut National de la Statistique et des Études économiques lussemburghese.
Lo studio ha preso in esame l'esperienza di navigazione sui di 50mila italiani, notando come gli utilizzatori di social network siano più esposti a «comportamenti offensivi e discorsi d'odio» e come i commenti omofobi abbiano un effetto negativo sulla felicità e sulla salute delle persone.
Lo studio afferma anche che «Le reti online sono un terreno fertile per la diffusione di contenuti dannosi, offensivi o controversi, spesso sdraiati in bilico tra libertà di parola e il discorso di odio.L'interazione online comporta un elevato rischio di essere bersagliati da comportamenti offensivi e di incitamento all'odio, con percentuali particolarmente significative per le donne e gli appartenenti alle minoranze. L'uso di Facebook espone gli utenti al rischio di un peggioramento della fiducia verso gli altri e ad un abbassamento della propria soddisfazione di vita. Tale scoperta suggerisce la necessità di aggiornare le politiche dei social network contro le espressioni di odio e comportamenti aggressivi, così come già richiesto da un numero sempre crescente di persone».


Gayburg è in nomination per i Macchianera Italian Awards 2014

Pubblicato il


I Macchianera Italian Awards rappresentano forse il più importante premio internet italiano. Tra le novità di quest'anno vi è l'inserimento di una specifica categoria dedicata ai siti lgbt (la numero 33), all'interno della quale Gayburg risulta fra i dieci finalisti selezionati attraverso i ben 170mila voti espressi nei giorni scorsi dagli utenti.
Sino a giovedì 11 settembre 2014 sarà possibile votare i propri siti preferiti, determinando i vincitori che il 13 settembre saranno premiati presso il Teatro Ermete Novelli di Rimini nel corso della Festa della Rete (precedentemente nota come BlogFest).
Se appare doveroso un ringraziamento a quanti hanno permesso a Gayburg di conquistare l'ambita candidatura, non può mancare un invito a votare i vostri siti preferiti anche in questa seconda fase (naturalmente ringraziando sin da ora quanti vorranno riconfermare la propria preferenza).
Da segnalare è anche la presenza di Carlo Gabardini fra i finalisti della categoria "Miglior personaggio". Dopo il coming out dello scorso anno, l'artista milanese si è contraddistinto anche per una serie di filmati che hanno sicuramente contribuito a sfatare una serie di falsi miti propagandati dal fronte anti-gay.

Clicca qui per accedere alla pagina di votazione.


Una web-series affronterà il tema della discriminazione dei gay nei Boy Scouts of America

Pubblicato il


Si intitola "Camp Abercorn" ed è una web-series drammatica che intende affrontare il tema della discriminazione dei gay all'interno dei Boy Scouts of America. Come noto, la recente fine della messa al bando dei gay all'interno dei gruppi riguarda solo i ragazzi ed è tutt'ora in vigore per gli adulti. Ed è così che in una delle storie incontreremo un capo gay che farà di tutto per nascondere il suo orientamento sessuale con la paura di poter perdere il proprio ruolo.
La storia è stata scritta da Jeffrey Simon sulla base della sua esperienza passata all'interno dello scoutismo. «Nel raccontare la nostra storia -ha dichiarato- ci auguriamo di offrire il nostro sostegno ad una delle maggiori esigenze dell'America: che il potenziale dello scoutismo e la sua capacita di trasformare i ragazzi in uomini che ci condurranno nel futuro sia aperto a tutti nello stesso modo, indipendentemente dal sesso o dall'orientamento sessuale».
Al momento è in corso un crowdfunding per reperire i fondi necessari all'inizio delle riprese.

Video: [1] [2] [3] [4] [5]


I ragazzi gay hanno tre volte più probabilità di scontrarsi con il bullismo online

Pubblicato il


Uno studio condotto dal Gay, Lesbian and Straight Education Network inglese ha denunciato come il tasso di giovani lgbt che si trovano a scontrarsi con il bullismo online sia tre volte maggiore ai loro coetanei eterosessuali, con percentuali del 42% a fronte del 15%.
Fra gli alunni delle scuole medie e superiori ciò comporta spesso una bassa autostima, una maggiore probabilità di sviluppare la depressione e voti dei scolastici inferiori.
Va segnalato, però, come Internet non rappresenti il male assoluto e come una parte del campione abbia segnalato di aver trovato in rete il supporto e le informazioni che cercavano e che non riuscivano a trovare nella sola interazione con i coetanei. I giovani lgbt cercano consulenza medica on-line con frequenza doppia rispetto ai coetanei eterosessuali, con percentuali che salgono vertiginosamente fra i giovani transessuali.
La dottoressa Eliza Byard, a capo del progetto, ha commentato: «I ragazzi lgbt continuano ad affrontare incredibili ostacoli quotidiani sia nella vita scolastica che online, ma Internet può anche essere una fonte preziosa di informazioni e di sostegno quando non si ha nessuno a cui rivolgersi. Come i social media si evolvono, così devono nostri sforzi per servire i giovani lgbt per garantire la loro sicurezza, la salute e il benessere».


Quando i ragazzi di Oxford si danno a Shakira

Pubblicato il


Gli Out of the Blue sono un gruppo a cappella composto da alcuni studenti dell'Università di Oxford e della Oxford Brookes University. Fondato nell'ottobre del 2000 da Derek Smith, il gruppo ha tenuto concerti regolari e si è esibito anche in alcuni spettacoli televisivi (fra cui anche Britain's Got Talent nell'aprile del 2011, conquistando la semifinale).
Ora pare siano riusciti a conquistare il mondo di Internet attraverso un video immediatamente divenuto virale, all'interno del quale quindici studenti in perfetta uniforme oxfordiana si cimentano in una rivisitazione di Shakira (attraverso successi come "Whenever", "Wherever" e il "Waka Waka"). Il tutto accompagnati dalle immagini che ce li mostrano ballare per i prati e le strade lastricate di Oxford.
Ad apparire determinante per il loro successo è stata la stessa Shakira che, attraverso Twitter, si è pubblicamente complimentata con loro dinnanzi ai ai suoi 26,2 milioni di followers.
Il brano è già stato retweettato più di 1.200 volte e è stato inserito fra i preferiti da 1.800 utenti. Su Facebook, invece, ha collezionato più di 88.000 like e 10.000 condivisioni.

Clicca qui per guardare il video.


Lista di Nozze, la webserie comica che affronta il tema dei matrimoni negati ai gay

Pubblicato il


Per la nostra società non tutte le coppie sono uguali e godono degli stessi diritti: alcune sono meno uguali di altre. È da questo presupposto da cui trae ispirazione "Lista di nozze", una webserie comica che ci permetterà di seguire le storie di Arnaldo e Leo. Compagni nella vita e titolari di un negozio specializzato in liste di nozze, si amano ma a loro non è concesso di poter convolare a nozze così come possono fare tutti i loro clienti... motivo che porterà molti spettatori a domandarsi se la famiglia che desiderano e che potrebbero costruire sia davvero meno "vera" delle altre famiglie.
La domanda troverà forse risposta attraverso le varie coppie prossime alle nozze che appariranno nella serie, spesso ancor più strampalate di quella protagonista. Il tutto verrà poi approfondito con interviste a coppie gay ed etero sui temi dell'episodio.
Tra le persone coinvolte nel progetto ci saranno alcuni affermati professionisti del settore: dagli autori Paola Ducci e Francesco Calella agli attori Alessandro Bergallo e Michele Di Giacomo. La regia sarà curata da Gaetano Maffia.
La sceneggiatura dei dodici episodi è pressoché terminata a la troupe è pronta a girare ma, come spesso accade in questi casi, l'ultimo punto che rimane da smarcare è il finanziamento. È per questo che la produzione ha lanciato un crowdfunding suddiviso in 1400 quote, attraverso il quale gli stessi spettatori potranno divenire produttori della serie. Per conoscere tutti i dettagli al riguardo è possibile visitare l'apposita pagina dedicata al progetto.

Immagini: [1] [2] [3] [4] - Video: [1] [2]


Reddit: negli ultimi due anni è drasticamente diminuito l'uso di insulti omofobici

Pubblicato il


Finalmente una buona notizia che arriva da Internet e dai social network. Secondo uno studio condotto da
Reddit Alerts, l'uso di termini omofobici su Reddit è drasticamente calato nel corso degli ultimi anni. Ad esempio l'uso del termine dispregiativo "fr*ocio" è passato dall'1,85‰ del 2012 allo 0,3‰ del 2014.
Il sistema di Reddit non prevede alcun tipo di moderazione e delega ad algoritmi automatici il compito di determinare il successo delle notizie in base ai voti espressi da altri utenti. Gli autori difendono la loro scelta in nome della libertà di parola, ma ciò non ha impedito al social network di finire più volte nell'occhio del ciclone a causa del proliferare di sessismo, omofobia e razzismo. Lo scorso anno fu l'attore William Shatner (noto per il suo ruolo in Star Trek) a commentare sconsolato: «Sono inorridito dal contenuto di alcuni post che ho letto. Reddit sta permettendo ai razzisti e ad altri mercanti dell'odio di riunirsi. Il fatto che qualcuno possa venire qui, svilire e degradare le persone in base a razza, religione, etnia o orientamento sessuale, perché "ha il diritto" di farlo senza doversi preoccupare di alcun tipo di moderazione, invia un messaggio sbagliato».
In merito allo studio va sottolineato come il dato si basi su una statistica di alcuni thread scelti casualmente e come non siano stati inclusi tutti i subreddits (una sorta di categorie tematiche che raccolgono articoli dedicati a specifici argomenti).