Visualizzazione post con etichetta attori. Mostra tutti i post

Joe Flanigan

Pubblicato il


Joe Flanigan nasce il 5 gennaio 1967 a Los Angeles, in California. Registrato alla nascita come Joseph Dunnigan III, venne abbandonato dal padre naturale subito dopo la nascita e decise così di cambiare il suo cognome con quello del padre adottivo.
Durante gli studi viene spinto da un suo compagno di corsi a recitare in una commedia in modo da tentare di superare la sua timidezza. Laureatosi in storia presso l'Università del Colorado, intraprende l'attività di scrittore ed inizia a lavorare a Capitol Hill e poi, brevemente, per alcune pubblicazioni di New York (tra cui Town & Country e la rivista Interview). Nel 1994 si trasferisce a  Los Angeles per tentare una carriera da attrice.
Flanigan ottiene alcuni ruoli in numerose serie televisive (tra cui "Profiler", "First Monday" e "Sisters") ma il successo arriva quando ottiene il ruolo del tenente colonnello John Sheppard in "Stargate Atlantis". Nel corso della seconda stagione è anche l'autore di alcuni episodi.
Flanigan è sposato con Katherine Kousi ed è padre di tre figli: Aidan, Truman, e Fergus. Il sua migliore amico è il co-protagonista di "Stargate Atlantis" Jason Momoa, e Joe condivide il suo compleanno con l'ex co-star Paul della serie McGillion.

[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19]


Adam Garcia

Pubblicato il


Adam Garcia nasce il 1° giugno 1973 a Wahroonga, in Australia. Lascia l'università per assumere il ruolo di Slide nella produzione "Hot Shoe Shuffle", che ha girato in Australia due anni prima di trasferirsi a Londra, città nella quale decide di rimanere per partecipare ai musical nel West End.
La sua carriera da attore ha inizio nel 1997 grazie al ruolo di Jones nel film "Wilde". Seguono interpretazioni di Tony Manero nella versione teatrale de "La febbre del sabato" sera dal 1998 al 1999, ruolo che gli permetterà di ricevere la nomination al premio Laurence Olivier Awards come miglior attore di musical.
Nel 2000 entra nel cast del film "Le ragazze del Coyote Ugly" ed il ruolo di Kevin O'Donnell gli permette di ottenere una grande visibilità. Sempre nel 2000 interpreta Sean in "Bootmen" e viene chiamato a far parte del corpo di ballo esibitosi durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Sydney.
Nel 2004 affianca Lindsay Lohan e Megan Fox nel film "Quanto è difficile essere teenager!", mentre tra il 2006 e il 2007 interpreta il ruolo di Fiyero nella produzione londinese di "Wicked" accanto Idina Menzel ed Helen Dallimore.
Verso la fine del 2008 recita in due serie di ITV, "Britannia High" in cui interpreta un insegnante di danza, mentre nel 2010 è uno dei giudici del reality show "Got to Dance" con Ashley Banjo e Kimberly Wyatt.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] - Video: [1] [2] [3]


Alessandro Egger

Pubblicato il


Lui si chiama Alessandro Egger ed è diventato l'idolo di tanti adolescenti grazie al ruolo di Nick nella serie televisiva "The Band" (prodotta da Magnolia per DeA Kids ed attualmente trasmesso da Super! sul canale 47 del digitale terrestre).
In onda dall'ottobre del 2008, la serie si concentra sulle vicende musicali ed esistenziali che vedono coinvolti i giovani membri di una band agli esordi, i Garage, composta da cinque ragazzi (Maggie, Viola, Nick, Bonzo e Umberto). Ed è proprio in quella veste che Alessandro Egger ha dovuto mettere a fruttoanche le sue capacità canore, dalle quali ha preso vita anche l'album "Diario musicale" che raccoglie alcuni brani della colonna sonora.
«Prima di entrare nel programma ho fatto cinque casting -ha raccontato in un'intervista del 2012- continuavo ad andare e tornare dagli studi televisivi fino a quando ho incontrato Francesca. Abbiamo provato il copione insieme per la prima volta e abbiamo subito creato un armonia fra noi, e da li ci siamo visto direttamente sul set».
Nato il 6 settembre 1991, Alessandro ha avuto la passione per la recitazione sin da bambino. Il suo ingresso nel mondo dello spettacolo è avvenuto grazie ad alcuni ingaggi in pubblicità e telepromozioni, esperienze che lo hanno traghettato sino al suo primo ruolo di rilievo con "The Band". La sua carriera, però, non si è certo fermata lì e recentemente è stato scelto come uno dei volti della campagna pubblicitaria di Mediaset Premium Academy, così come ha ottenuto una parte nella celebre fiction "Un medico in famiglia" trasmessa da Rai1.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20]


Alex Dimitriades

Pubblicato il


Figlio di immigrati greci, Alex Dimitriades nasce a Sydney il 28 dicembre 1973. All'età di 17 anni inizia a recitare quasi per caso: un direttore del casting si presenta presso la sua scuola alla ricerca di attori per il film "Amore ribelle" e lui partecipa per gioco ai provini, venendo poi scelto per il ruolo del protagonista maschile Nick Polides.
Dopo il successo ai botteghini, torna a vestire i panni di quel personaggio anche nella trasposizione televisiva, perlomeno sino a quando i produttori non decidono di farlo morire al termine della prima serie a cause delle richieste economiche dell'attore ritenute eccessive.
Nel 1998 è protagonista del film drammatico "Head On", nel quale la sua interpretazione di un ragazzo gay gli valsero la candidatura come miglior attore agli Australian Film Institute Awards.
Negli anni seguenti prende parte alle commedie australiane "Let's Get Skase" e "La spagnola", debuttando ad Hollywood nei film "Nave fantasma" e "Deuce Bigalow - Puttano in saldo". Al suo attivo ci sono anche ruoli nelle serie "Wildside", in "Underbelly" e "The Slap".
Dimitriades è un appassionato collezionista di dischi in vinile ed ha lavorato come disc jockey professionista nel locali di mezza Australia.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24]


I pettorali di Robbie Amell in The Tomorrow People

Pubblicato il


Non è passato molto tempo da quando l'attore Stephen Amell lasciò per la prima volta senza fiato il pubblico televisivo mostrando i suoi pettorali scolpiti in alcune scene di "Arrow". Ora pare che anche suo cugino sia destinato ad ottenere il medesimo risultato, perlomeno è quanto appare guardando le immagini che ci giungono dagli Stati Uniti.
Stiamo parlando di Robbie Amell, l'attore canadese attualmente impegnato sui set della serie televisiva "The Tomorrow People". Ed è proprio come in un déjà vu che nello storyboard non si sia persa occasione per mostrare l'attore senza maglietta (così come ampliamene documentato nella nella gallery di fine post).
Nato a Toronto il 21 aprile 1988, Robert Patrick Amell ha iniziato a recitare in alcuni spot televisivi già all'età di sei anni. Una passione coltivata anche negli anni della scuola sino al raggiungimento della laurea, conseguita nel 2006 presso il Lawrence Park Collegiate Institute.
Il suo debutto cinematografico giunse con il ruolo di Daniel Murtaugh nel film "Il ritorno della scatenata dozzina". Nel 2007 partecipò al film "American Pie Presents: Beta House", seguito l'anno seguente da "Se mi guardi mi sciolgo". È anche apparso nel film horror del 2010 "Left for Dead" ed ha ottenuto un ruolo in "La mia vita con Derek". Nel 2009 e nel 2010 ha vestito i panni di Fred nei film "Scooby-Doo! Il mistero ha inizio nel ruolo di Fred" e in "Scooby-Doo! La maledizione del mostro del lago".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18]


Aaron O'Connell

Pubblicato il


Aaron O'Connell nasce nel 1985 in Ohio (Stati Uniti) ma ben presto di trasferisce nell'Indiana (più precisamente a Carmel) dove cresce con tre sorelle. Diplomatosi alla Cathedral High School, si laurea in salute e fitness presso la Purdue University di Lafayette.
È proprio negli anni dell'università che inizia a lavorare come modello e come attore, scegliendo poi di dedicarsi a tempo pieno a quelle attività una volta terminati gli studi.
Tra i suoi lavori più significativi figurano i servizi fotografici realizzati per GQ, VMan, German Vogue, French Vogue, L'uomo Vogue, Arena Homme, Hanes, Lucky Jeans, A&F, Gilly Hicks, Ruehl, Ralph Lauren, Champion, Jockey e Tetu.
Come attore, invece, è apparso nel film drammatico "LAID: Life as It's Dealt" (2013) ed è poi diventato un personaggio fisso della serie televisiva "The Haves and the Have Nots" (2013-2014) nel ruolo di Wyatt Cryer.
Attualmente vive a Lives in Los Angeles, in California, e lavora anche come musicista indipendente.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24]


Jeremy Jackson nudo per Some Spanish Magazine

Pubblicato il


L'attore Jeremy Jackson è noto soprattutto per aver interpretato Hobie Buchannon (il figlio di Mitch) in "Baywatch". Se la sua lunga permanenza nel cast (dal 1991 al 1999) ci ha permesso di osservare come il suo fisico si sia evoluto da così a così, sappiate che oggi si presenta così. Ebbene sì, il ragazzo è decisamente cresciuto bene ed oggi presenta anche una massa muscolare decisamente invidiabile.
Ma, tornando alla sua storia, un volta consultasi "Baywatch", Jackson è praticamente sparito dalle scene nonostante abbia preso parte ad alcuni film minori. Nel 2008 fece parlare di sé per un sex tape registrato insieme alla pornostar Sky Lopez (foto), mentre nel 2011 tornò in televisione come concorrente di "Celebrity Rehab" (una sorta di "Isola dei Famosi" per ex-tossicodipendenti celebri, nel suo caso per l'abuso di steroidi). Sempre in quell'anno posò senza veli per il fotografo Natalie Minh (qui e qui gli scatti). Nel 2012è entrato a far parte del cast di "DTLA", proponendosi senza veli già nel secondo episodio della serie (per di più in un nudo pressoché frontale).
Per chi non ne avesse ancora avuto abbastanza, Jackson si è ora reso disponibile per un nuovo servizio fotografico che sarà pubblicato da Some Spanish Magazine, all'interno del quale ancora una volta posa senza indossare alcun capo di vestiario (se non un salvagente che sottolinea come, a quasi vent'anni di distanza, il suo nome sia tutt'oggi associato principalmente al suo primo ingaggio).

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Orlando Bloom nudo in "Zulu"

Pubblicato il


C'è chi l'ha preferito nei panni dell'elfo Legolas (Il Signore degli anelli) e chi in quello di Will Turner (Pirati dei Caraibi), fatto sta che in molti non sono certo rimasti indifferenti alla bellezza di Orlando Bloom. L'attore britannico tonerà presto nelle sale cinematografiche nel ruolo di un poliziotto di Città dei Capo all'interno del film "Zulu", presentato come pellicola di chiusura allo scorso festival di Cannes.
La stampa specializzata ci anticipa che sarà «un problematico agente divorziato e padre assente» che si metterà alla ricerca dell'assassino di una ragazza ventenne, figlia di un campione sportivo ormai in pensione. I giornalisti, però, non hanno tralasciato neppure di precisare che sarà quasi irriconoscibile, con «il corpo, spesso nudo, coperto di tatuaggi».
E se quel riferimento alla nudità non ha mancato di creare un po' di aspettativa, è stessa casa di produzione ad anticiparcela già nel trailer ufficiale del film. Per pochi secondi, infatti, lo so vede mentre gira per casa nudo con in mano una pistola nel tentativo di cogliere di sorpresa un intruso.

Immagini: [1] [2] [3] - Video: [1]


L'attore Paco León nudo su Twitter

Pubblicato il


Paco León è un attore comico spagnolo particolarmente conosciusto in patria. Nato a Siviglia il 4 ottobre 1974, ha debuttato sul piccolo schermo con le serie "Mariquilla Ríe Perlas" e "Castillos en el Aire". Successivamente conduttore di programmi come "Cita a Ciegas" e "Triunfa en Casa", il suo vero trampolino di lancio sono stati alcuni sketch trasmessi da Antena 3. Nel 2005 ha anche portato sul grande schermo un matrimonio gay nel film "Reinas".
Caratterizzato da un corpo atletico (immortalato sulle pagine di Men's Health) e non certo timido nel mettersi in mostra, Paco León ha cercato di incrementare il numero di follower del suo profilo Twitter promettendo che, al raggiungimento del milione di utenti, avrebbe pubblicato una sua foto di nudo integrale. Ebbene, il traguardo è ora stato raggiunto e l'attore pare aver voluto tener fede a quanto promesso attraverso un tweet contenente un'immagine che lo ritrae nudo, in spiaggia, mentre esce dall'acqua.

Clicca qui per guardare l'immagine pubblicata su Twitter.


Charlie Hunnam sarà Christian Grey in "Cinquanta Sfumature di Grigio"

Pubblicato il


Sono ormai mesi che la stampa scandalistica tenta di indovinare il nome dell'attore a cui sarebbe stato affidato il ruolo di Christian Grey nella trasposizione cinematografica si "Cinquanta Sfumature di Grigio", il romanzo erotico scritto nel 2011 dalla scrittrice inglese E. L. James. E così, dopo aver sentito ipotesi di ogni genere, la discussione è ora destinata a terminare con l'annuncio ufficiale: sarà Charlie Hunnam a ricoprire il ruolo di protagonista maschile.
L'attore 33enne è noto al grande pubblico per aver vestito i panni di Nathan Maloney nella serie televisiva lgbt "Queer as Folk" e per il personaggio di Raleigh Backet in "Pacific Rim" di Guillermo Del Toro.
Quasi inutile a dirsi, l'attesa dei nomi era perlopiù motivata dalla trama del film (se la trasposizione sarà fedele, praticamente ci sarà più sesso che dialoghi, ndr) e dal fatto che il successo letterario ottenuto dal libro avrebbe aperto le porte ad interpreti di primo piano. E così pare sia stato, soprattutto se ci considera la prestanza fisica di Charlie Hunnam (ampliamene documentata nella galleria fotografica di fine post). Il film arriverà nelle sale cinematografiche il 1° agosto 2014.

Update: Nonostante l'annuncio ufficiale, ad ottobre 2013 Hunnam ha rifiutato il ruolo perché incompatibile con i suoi altri impegni lavorativi. Qui i dettagli.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Juan García Postigo

Pubblicato il


Juan García Postigo nasce a Màlaga (Spagna) il 19 gennaio 1982. Il 31 marzo 2007 (ad un anno dalla vittoria del titolo di Mister Spain 2006) viene incoronato Mister World durante la finale tenutasi a Sanya, in Cina. In quell'occasione si è trovato a dover competere con altri 56 concorrenti, divenendo il primo spagnolo della storia ad aver vinto il titolo.
La popolarità acquisita lo spinge ad intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo, affiancando il lavoro di modello a quello di attore.
Nel 2007 esordisce sul piccolo schermo in una puntata di "El intermedio", seguita da apparizioni in "Yo estuve allí", "La hora de José Mota ", "El Grand Prix del verano", "Pasapalabra" e "¡Más Que Baile!". Nel 2010 è il conduttore di "Tal cual lo contamos", mentre nel 2010 diviene uno dei professori del reality "Model Express". Al suo attivo si contano anche alcuni ruoli in fiction televisive, come "¡A ver si llego!", "Los Serrano", "Arrayán" e "Las Estupendas". Come modello, invece, ha posato per le campagne pubblicitarie di marchi come Aeronautica Militare, Punto Blanco, Liska, Sony, Danniel Brunni, Blu Send, Zink e Aduho.
Juan García vive ora fra Barcellona e Madrid e parla lo spagnolo e l'italiano.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16]


Eduardo Noriega

Pubblicato il


Eduardo Noriega Gómez nasce a Santander (Spagna) il 1º agosto 1973. Suo padre, di origine messicana, muore quando Eduardo aveva solo un anno. Il più giovane di sette fratelli, si interessa alla musica (studia solfeggio e pianoforte al conservatorio) ma ben presto nasce in lui una passione ancor più forte per la recitazione: decide così di trasferirsi a Madrid per frequentare la Scuola Superiore Reale di Arte Drammatica.
Il suo debutto da attore avviene nel 1995 all'interno del cortometraggio "Luna di Amenábar". Nel 1996 raggiunge il successo grazie al thriller di Alejandro Amenábar "Tesis", mentre l'anno successivo è il protagonista assoluto di "Apri gli occhi" con Penélope Cruz.
Nel 2000 è un rapinatore gay nel film argentino "Plata quemada", al fianco di Leonardo Sbaraglia, guadagnandosi una nomination ai Fotogrammi d'argento. Nel 2001 recita nel film di Guillermo del Toro "La spina del diavolo" (ambientato in un orfanotrofio durante gli ultimi anni della guerra civile spagnola) mentre nel 2002 recita con Anna Mouglalis e Paz Vega in "Novo".
Dopo aver indossato i panni di Che Guevara nel 2005, nel 2006 è parte del cast di "Il destino di un guerriero" con Viggo Mortensen. Nel 2008 viene chiamato ad Hollywood per prendere parte ai film "Transsiberian" e "Prospettive di un delitto". Nel 2013, infine, è al fianco di Arnold Schwarzenegger nel film The Last Stand, L'ultima sfida".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22]


Mark Patton racconta la sua fuga dall'omofobia di Hollywood e la sua vita felice nonostante l'HIV

Pubblicato il


Sono passati più di 25 anni da quando Mark Patton ha vestito i panni di Jesse Walsh in "Nightmare 2-La Rivincita". La sua promettente carriera di attore, iniziata nel 1982, finì con l'esaurirsi nel 1986 dopo aver recitato con George Clooney in un episodio della serie televisiva "Hotel". Nel 2010 tornò davanti ad una macchina da presa nel documentario a lui dedicato "Never Sleep Again: The Elm Street Legacy", durante il quale dichiarò la propria omosessualità. Ora 49enne, è tornato a parlare della sua vita in un'intervista pubblicata da Hiv Plus Magazine (un inserto di The Advocate), nella quale affronta il tema della sua fuga dall'omofobia hollywoodiana degli anni '80 alla vita felice che conduce oggi nonostante la sua sieropositività.
Cresciuto a Riverside, nel Missouri, Patton non ha un'infanzia facile: «Se si è anche minimamente diversi di diventa un bersaglio -racconta- Io ero un bambino ipersensibile e sono stato per un bel po' vittima di bullismo». Da lì a poco inizia a scoprire anche la sua passione per la recitazione e per gli uomini. «Una volta capito che ero gay, mi sono sempre comportato di conseguenza. Ma sono sempre stato terrorizzato che qualche redneck potesse uccidermi per strada. Il teatro mi ha fornito uno spazio sicuro». Diplomatosi, acquista un biglietto aereo e si trasferisce a New York con solo 132 dollari in tasca: «Quando sono sceso dall'aereo -racconta- ho tirato il primo respiro rilassato della mia vita: mi sono reso conto che ero al sicuro».


Leggi tutto il post »

Lucas Cruikshank ha fatto coming out

Pubblicato il


È attraverso un video pubblicato su YouTube che l'attore Lucas Cruikshank, noto per il suo ruolo nella serie televisiva "Fred" (in onda su Nickelodeon), ha deciso di fare coming out e di dichiararsi pubblicamente gay.
Nel filmato, realizzato insieme a Jennifer Veal (fra i protagonisti della serie televisiva "Jessie"), l'attrice gli domanda senza molti giri di parole: «Sei gay?». Ed è così che Cruikshank risponde: «Sì, sono gay. È così strano dirlo di fronte ad una telecamera... I miei amici e la famiglia lo sanno da circa tre anni, io non ho sentito il bisogno di darne un annuncio su Internet. Mi sentivo a disagio».
La notizia è stata ben accolta dai suoi fan, tant'è che Cruikshank li ha voluti ringraziare su Twitter: «Vi amo tutti così tanto -ha twittato- il vostro sostegno è tutto e io sono contento che vi sia piaciuto il video».

Clicca qui per guardare il video


Wentworth Miller fa coming out (ed attacca le norme anti-gay russe)

Pubblicato il


«Come gay sono scioccato dall'atteggiamento e dal modo in cui il governo russo tratta gli uomini e le donne omosessuali. La situazione è inaccettabile e non posso partecipare a una cerimonia che si celebra in un paese in cui alle persone come me viene sistematicamente negato il proprio diritto a vivere e ad amare liberamente. Forse, se le circostanze muteranno, potrei cambiare idea». È con queste parole che Wentworth Miller ha pubblicamente dichiarato la propria omosessualità, denunciando allo stesso tempo la sua contrarietà alle norma anti-gay recentemente approvate in Russia.
L'attore quarantunenne, noto soprattutto per la serie televisiva "Prison Break", era stato invitato al Festival Internazionale del Cinema di San Pietroburgo, città che nel 2011 ha fatto da apripista alle norme discriminatorie ora vigenti in tutto il Paese. La motivazione data per spiegare il perché non vi prenderà parte pone così fine anche alle varie voci sulla sua sessualità che ormai circolavano da tempo.


Misha Collins

Pubblicato il


Misha Collins (il cui nome alla nascita era Misha Dmitri Tippens Krushnic) nasce a Boston il 20 agosto 1974. Con origini russe, ucraine e polacche, venne chiamato così dalla madre in ricordo di una vecchia fiamma conosciuta al college, un ragazzo russo di nome Mitya.
Frequenta l'Università di Chicago e si mantiene gli studi con lavori occasionali, fra i quali il carpentiere (ancor oggi è lui stesso ad aver costruito alcuni mobili di casa sua). Per un certo periodo ha lavorato anche come stagista presso la Casa Bianca durante l'amministrazione Clinton, ha pubblicato alcune poesie ed ha fondato una propria società di software.
Esordisce come attore nel 1998 in un episodio di "Legacy", a cui segue l'anno successivo un nuovo ingaggio per un episodio di "Streghe". Il primo ruolo fisso arriva nel 2002, quando è chiamato a vestire i panni del cattivo Alexis Drazen durante tutta la prima stagione di "24".
Il successo arriva però nel 2008, quando entra nel cast di "Supernatural" nel ruolo di Castiel, un angelo mandato sulla terra in aiuto dei due protagonisti (divenuto poi un personaggio regolare a partire dalla quinta stagione).
Sul grande schermo ha recitato in film come "Ragazze interrotte" (1999), "Par 6" (2002), "Moving Alan" (2003), "Finding Home" (2003), "The Crux" (2004), "Karla" (2006), "La sposa fantasma" (2008) e "The Grift" (2008).

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Ricardo Meneses

Pubblicato il


Ricardo Meneses nasce il 5 aprile 1982 in Telmo Meneses, in Portogallo. Il suo nome è sicuramente legato al ruolo di Sérgio, interpretato nel 2000 nel film "Il fantasma". La pellicoa, diretta dal regista João Pedro Rodrigues e presentata alla 57ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, racconta la storia di un giovane netturbino di Lisbona, solo e privo di interessi. le sue giornate trascorrono tra una stanza in affitto ed incontri di sesso anonimo con altri uomini nei bagni pubblici. Il suo unico amico è Lord, il cane da guardia del deposito della nettezza urbana. In preda ad un desiderio insaziabile, Sergio è anche ossessionato dal sesso: motivo per cui in il film è ricolmo di scene in cui il giovane attore appare completamente nudo o impegnato in pratiche sessuali.
Filmtv ha collocato la pellicola al 12° posto fra i migliori film portoghesi e al secondo posto in una speciale classifica dedicata ai nudi maschili cinematografici da non perdere.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16]


Giulio Berruti

Pubblicato il


Giulio Berruti (all'anagrafe Giulio Maria Berruti) nasce a Roma il 27 settembre 1984. Il suo esordio come attore ha luogo nel 2003 nel film "Da liceale a pop star" di Jim Fall. Seguono il ruolo di Roberto in "Melissa P." (2005) ed un cameo in "Scrivilo sui muri" (2007)
Nel 2006 si fa notare interpretando Thomas nella miniserie televisiva "La freccia nera", ma il successo vero e proprio arriva nel 2007 grazie alla fortunata serie "La figlia di Elisa, Ritorno a Rivombrosa" nella quale Berruti interpreta il marchese Andrea Van Necker.
Insieme a Giorgia Surina e Jacopo Cullin, nel 2008 è protagonista della sit-com per i telefonini "L'ospite perfetto-Room 4U" ed è uno dei protagonisti del film "Deadly Kitesurf" di Antonio De Feo. L'anno successivo è la volta del film "Bon Appetit" e della miniserie "Il falco e la colomba".
Nel 2010 è chiamato a far parte del cast di "Monte Carlo" e nel 2011 prende parte alle fiction "Angeli e diamanti", "Sangue caldo" e "La ragazza americana". Sempre in quell'anno viene scelto come interprete del capolavoro di Peter Greenaway "Goltzius and the Pelican Company", al fianco del premio oscar Murray Abrhams (il film, uscito nelle sale nel 2013, segna anche il suo primo nudo frontale di fronte ad una macchina da presa). Nel 2012 è tra i protagonisti di "10 regole per fare innamorare" e di "L'amore è imperfetto", mentre quest'anno lo vedremo nella nuova fiction Mediaset "I Segreti di Borgo Larici", al fianco di Serena Iansiti.
Dal 2008 è il vicepresidente e il testimonial dell'associazione culturale no-profit Effemeridi, impegnata nella sensibilizzazione del territorio sul tema ambientale e animalistico.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30]


Flavio Parenti

Pubblicato il


Flavio Parenti nasce a Parigi il 19 maggio 1979. Dopo aver studiato presso il Centre International de Valbonne tra il 1993 e il 1999, inizia a frequentare la Scuola del Teatro Stabile di Genova sino ad ottenere l'Attestato di Qualifica Professionale d'Attore.
Dopo i primi lavori in campo pubblicitario, il suo debutto da attore teatrale avviene nel 2002 con "Madre Coraggio e i suoi figli" di Bertolt Brecht. Nelle vesti di aiuto regista, invece, si ritrova ad affiancare anche volti noti come Maurizio Nichetti, Matthias Langhoff e Marco Sciaccaluga. Due anni più tardi è lui il regista dello spettacolo "Il Drago di Evgenij L'vovic Schwarz", prodotto dall'associazione culturale NoNameS fondata dallo stesso Parenti.
Il 2005 segna il suo debutto televisivo con la partecipazione ad una puntata intitolata "Ricordati di me" di "Camera Café". Seguono la miniserie "Eravamo solo mille" e la serie "Un medico in famiglia 5" del 2007.
Nel 2008 appare per la prima volta sul grande schermo in "Parlami d'amore" di Silvio Muccino, seguito a breve da "Colpo d'occhio" di Sergio Rubini e da "Il sangue dei vinti" di Michele Soavi. Nello stesso anno è anche nel cast della miniserie televisiva "Einstein".
Nel 2009 è in concorso al 66° Festival di Venezia come attore di "Tris di donne & abiti nuziali" di Vincenzo Terracciano, "Io sono l'amore" di Luca Guadagnino e "Le ombre rosse" di Citto Maselli. Sempre nel 2009 recita nelle fiction "Distretto di Polizia 9" e "Distretto di Polizia 10". È in questo periodo che Flavio Parenti inizia anche a produrre e dirigere i suoi primi film: nel 2010 la volta di "Sogno Farfalle Quantiche" e della web series "#ByMySide".
Nel 2012 viene scelto da Woody Allen come protagonista del suo "To Rome with Love" mentre Pupi Avati lo vuole per la serie televisiva "Un Matrimonio". L'anno successivo è tra i protagonisti di "Goltzius And The Pelican Company" di Peter Greenaway e dirige la web serie "Days: The Crossmovie" (un progetto multimediale in cui lo spettatore può creare più di 200.000 combinazioni di film diverse).
Grande appassionato del gioco degli scacchi, nel 2013 ha anche vinto l'Open B al Festival Internazionale di Roseto.

Foto: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19]


Come si diventa Superman

Pubblicato il


Esce oggi nelle sale cinematografiche "L'uomo d'Acciaio", il film diretto da Zack Snyder in cui Henry Cavill vestirà i panni di Clark Kent.
In un'intervista rilasciata al Sun, l'attore ha raccontato tutto il suo apprezzamento per il ruolo affidatogli: «Ti vedi lì, in piedi con quel costume, con il mantello e la "S" sul petto. E la gente che passa intorno dice: "Wow! È Superman!". Così ti guardi un attimo e pensi: "Wow! Sono Superman!". Non ci sono sensazioni paragonabili a questa. È davvero qualcosa di unico che porterò con me fino alla morte».
Per i più puristi va segnalata un'alterazione del costume del supereroe a cui siamo abituati: nel film, infatti, Cavill non indosserà le consuete mutande rosse: «I ragazzini sono cresciuti senza conoscere le precedenti incarnazioni di Superman -ha spiegato- Probabilmente lo guarderebbero chiedendosi: "Perché mai usa quelle mutande sopra i pantaloni?"».
Confermato, invece, è il trend di un'eroe muscoloso e dal fisico scolpito (forse non esattamente conforme all'originale, ma ormai un classico del grande schermo). Ed è così che su Internet sono state diffuse alcune immagini degli allenamenti in palestra che hanno portato Cavill a poter sfoggiare il meglio di sé, attraverso un duro lavoro che solo la professionalità e la dedizione dei grandi divi di Hollywood è in grado di garantire. A seguite il video e gli scatti dei suoi allenamenti.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] - Video: [1]