Visualizzazione post con etichetta baci. Mostra tutti i post

Kiss, il nuovo video di Andrew Christian

Pubblicato il


Si intitola semplicemente "Kiss" ed è il nuovo video promozionale di Andrew Chistian. Scritto e diretto da Jeff White, il filmato vuole celebrare il bacio in ogni sua forma e stile: «Ci sono baci sensuali, alcuni sono più violenti, altri sono semplicemente una via di mezzo... ma sono tutti hot», dicono dalla casa di moda.
Fra i modelli incontriamo un mix fra la scuderia dello stilista (Jake Houser, Topher DiMaggio, Murray Swanby e Cory Zwierzynski), quella del sito per soli adulti CockyBoys (Max Carter, Levi Karter, Levi Michaels, Duncan Black e Ricky Roman) e due fan che hanno partecipato ai vari contest proposti sui social network (Zach Lee e Seth Knight).

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] - Video: [1]


Un bacio gay tra Marco Bocci e Raoul Bova

Pubblicato il


È un appassionato bacio fra Marco Bocci e Raoul Bova quello che ci viene anticipato sulle pagine del settimanale Chi. Dietro non c'è alcun ripensamento sul proprio orientamento sessuale, ma il contesto è il set del film "Scusate se esisto", la cui uscita nelle sale è prevista per il prossimo anno.
Se per molti quelle immagini non sono altro che la concretizzazione di una fantasia, lo status di sex-symbol dei due attori non può che far sperare uno sdoganamento sempre più massiccio della normalità di un rapporto fra persone dello stesso sesso: in fin dei conti se il proprio bignamino non si fa problemi a baciare un altro uomo, perché mai bisognerebbe sentirsi infastiditi se lo fa qualcun altro? Non dimentichiamoci che viviamo in un'epoca dove migliaia di fan di Lady Gaga si stanno inducendo il vomito per emulare la propria beniamina (protagonista di quel disgustoso gesto di un gesti simile nel corso di un suo concerto), e c'è da sperare che una volta tanto ci possa essere emulazioni anche per gesti più nobili e costruttivi...

Immagini: [1] [2]


L'appassionato bacio fra Charlie Carver e Keahu Kahuanui in "Teen Wolf"

Pubblicato il


Se i rumors parlano di un imminente ingresso di un nuovo personaggio gay a partire dalla prossima stagione di "Teen Wolk", nelle puntate attualmente in onda prosegue la storia d'amore fra Danny ed Ethan.
Dopo averli visti in una scena di sesso nell'episodio "Hotel California", è nel diciannovesimo episodio della terza stagione (dal titolo "Letharia Vulpina") che li rincontriamo impegnati in un appassionato bacio. A dar vita alla scena sono sempre gli attori Charlie Carver e Keahu Kahuanui, parte della serie rispettivamente dal 2013 e dal 2011.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


I baci gay del piccolo e grande schermo

Pubblicato il


Anche quest'anno è giunto il momento di occuparsi della festa dedicata agli innamorati. Se per approfondirne i temi è possibile consultare lo Speciale San Valentino, è della celebrazione dell'amore gay sul grande e piccolo schermo che ci occuperemo oggi. Il cinema e la televisione, infatti, hanno contribuito molto a sensibilizzare l'opinione pubblica e ad abbattere assurdi stereotipi attraverso il racconto di amore puro e cristallino fra persone dello stesso.
La prima pellicola ad aver mai mostrato un bacio fra due uomini (perlomeno all'interno di un contesto che non fosse di scherno) fu "Ali" di William A. Wellman, un film muto del 1927 che fu anche il primo ad essere premiato l'Oscar come miglior film, nonché l'unico film muto ad essersi mai aggiudicato l'ambita statuetta.
In ambito televisivo è più complesso stabilire un primato anche se buone chance di vittoria spettano al bacio tra Sean Connery e Richard Pasco nel film per la televisione "Colombe", prodotto nel 1960 dalla BBC. In questo caso l'omosessualità non c'entrava molto dato che quell'effusione derivava dal fatto che Connery fosse convinto che la moglie lo tradisse con Pasco, motivo per cui volle scoprire che cosa ci provasse a baciarlo. Fatto sta che, volenti o dolenti, l'immagini di due uomini impegnati in un ardente bacio finì sui teleschermi di milioni di inglesi, con sette anni di anticipo rispetto alla depenalizzazione dell'omosessualità nel Regno Unito (ai tempi punita con il carcere).
Nel 2010, invece, è stata la prima volta di un bacio gay all'interno di un talent show. Il tutto è accaduto all'interno del programma francese "Nouvelle Star", quando i suoi due concorrenti Ramon e François decisero di dichiarare in diretta il loro amore, baciandosi appassionatamente al termine della loro esibizione del brano "Vous permettez monsieur".
A seguire, nella consueta gallery di fine post, una collezione di alcuni fra i più bei baci apparsi in film e serie televisive degli ultimi anni, nonché un video con gli auguri di Gayburg.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] - Video: [1]


Il primo bacio fra due uomini mai mostrato da una telenovela brasiliana

Pubblicato il


Felix e Niko (interpretati rispettivamente da Matthew Solano e Thiago Fragoso) sono due personaggi gay della soap opera brasiliana "Amor à Vida". Le loro effusioni sul teleschermo si erano sempre limitate a pochi abbracci e qualche bacio sulle guance, ma ora si è finalmente deciso di rompere un tabù e di inserire nell'ultima puntata di stagione il primo bacio tra due uomini mai mostrato in una telenovela brasiliana (il primo da due donne andò in onda nel 2011).
Quella scena era stata annunciata da tempo e l'opinione pubblica si è divisa: da un lato alcuni gruppi religiosi hanno cercato di impedire che la Globo TV trasmettesse la puntata, dall'altro alcuni locali gay-friendly avevano organizzato speciali appuntamenti per seguire l'episodio in tv, quasi si trattasse di una attesissima partita di calcio.
La trama della soap è ruotata anche attorno alla figura del padre omofobo di Felix, un uomo al quale il ragazzo doveva restare accanto per assistere la sua disabilità e che nel corso del tempo ha decido di ricredersi sui suoi pregiudizi sino ad accettarne l'orientamento sessuale. Ed il loro bacio non è che il coronamento di una serie che, puntata dopo puntata, ha propbabilmente contribuito a sensibilizzare un'opinione pubblica notoriamente poco incline ad accettare l'omosessualità.
Se questo è il primo bacio gay mai trasmesso in una telenovela brasiliana, non è il primo ad essere stato sceneggiato. Nel 2005, infatti, Bruno Gagliasso ed Erom Cordeiro avrebbero dovuto baciarsi nel corso della puntata finale della soap opera "América". La scena venne girata e montata ma, in seguito alle proteste di alcuni telespettatori protestarono, l'emittente televisiva Globo preferì tagliarla poco prima della sua messa in onda.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] - Video: [1]


Facebook ci ricasca e censura (nuovamente) un bacio contro l'omofobia

Pubblicato il


Ormai appare diventata quasi una consuetudine. Dopo il bacio dell'attivista gay e quello dell'uomo che baciava suo marito, è un'altra immagine raffigurante l'amore fra due persone dello stesso sesso ad essere stato ritenuto offensivo dal social network.
L'immagine in questione (che vedete in apertura) era stata pubblicata all'interno della pagina "Have A Gay Day" ma è stata ritenuta così "scabrosa" da Facebook al punto prendere provvedimenti anche verso i quasi 100 membri del gruppo con una sospensione di 30 giorni. Peccato che l'elemento grafico non facesse altro che mostrare un bacio fra due uomini (tratto da una bellissima immagine con i modelli Paul Francis e Levi Poulter) affiancato alla scritta: «Questa immagine ti offende? Hai mai pensato che forse è tua opinione a poter essere offensiva?». Ironia della sorte, la decisione di Facebook appare tale.
Nei casi precedenti sono sempre giunte le scuse tardive del social network (generalmente solo una volta scoppiato lo scandalo) e non è da scartare l'ipotesi che anche in questo caso il clamore mediatico sarà sufficiente a portare la vicenda a chiudersi con quell'epilogo.
Ma a fronte delle decine di gruppi che incitano all'odio e alla violenza (senza che Facebook voglia prendere alcun provvedimento nei loro confronti) o persone che intendono dar vita a bande omofobe che pattuglino le strade italiane (ma che secondo il social network non violano le regole della community), appare incredibile che continuino incessantemente a verificarsi censure a senso unico... quasi come se l'odio fosse incoraggiato al contrario dell'amore.
Ormai abbiamo sentito sino alla nausea le varie scuse sugli algoritmi automatici e sull'impossibilità di prevenire il fenomeno di segnalazioni di massa da parte di gruppi organizzati, ma a fronte del ripetersi di un fenomeno tanto grave, forse gli sviluppatori di Facebook dovrebbero decidersi a correre ai ripari per non divenire un terreno di battaglia di una sanguinosa guerra in cui i più numerosi possano sempre sempre avere la meglio sui diritti delle minoranze.


Facebook censura l'amore gay e sorvola sulle minacce di morte omofobiche

Pubblicato il


Per quanto Facebook si voglia mostrare come un'azienda gay-frienly, non mancano episodi che rischiano di mettere in dubbio la limpidezza del suo operato.
Il tutto ha avuto inizio quando Jesse Jackman ha pubblicato una fotografia di un bacio dato al marito Dirk Caber (in apertura). Entrambi sono pornostar e il suo post velocemente raccolto oltre 2mila "mi piace" e 200 commenti dei fan. I problemi sono iniziati quando lo scatto ha catturato l'attenzione di un gruppo cristiano che si è immediatamente attivato per pubblicare numerosi commenti omofobi (divisi tra preghiere, insulti e minacce di morte).
L'epilogo ha del tragicomico: a meno di 24 ore dalla pubblicazione, Jackman si è visto recapitare un messaggio che lo informava che la fotografia era stata cancellata perché in «violazione degli standard della community», così come il suo account è stato temporaneamente sospeso. Dato che le linee guida vietano la condivisione di «materiale pornografico», non è chiaro quale norma abbia violato un semplice bacio privo di nudità. Allo stesso non si capisce perché -dinnanzi a simili minacce ed insulti- sia stato l'amore ad essere censurato, lasciando vittoriosi ed impuniti gli utenti che hanno inneggiato all'odio e alla discriminazione.
Il caso non è il primo in assoluto. Già nel 2011 Facebook bloccò la fotografia di un bacio gay scattata durante una marcia di protesta: inizialmente sostenne che fosse in violazione della sua policy ma, dopo le proteste, chiese scusa per l'accaduto e ripristinò l'immagine. Ed ancora, solo pochi mesi più tardi, un altro bacio tra due uomini (entrambi completamente vestiti) subì la stessa sorte ed anche in quel caso la compagnia rispose alle polemiche parlando di «un errore».

Via: AfterSantana


Il bacio gay tra Ryan Phillippe e Breckin Meyer riemerge dopo 15 anni

Pubblicato il


"Studio 54" è un film del 1998 scritto e diretto da Mark Christopher. Ambientato alla fine degli anni '70, racconta la storia di Shane, un giovane ragazzo del New Jersey che inizia a lavorare nella famosa discoteca Studio 54 (un luogo dove la clientela è selezionatissima e dove droga e sesso circolano liberamente). Ed è proprio qui che conosce Greg e Grace, una coppia sposata che lavora all'interno del locale e ben presto diverrà la sua nuova famiglia.
Poco dopo l'uscita nelel sale cinematografiche, si parlò di una proiezione segreta che si sarebbe tenuta all'Outfest di Los Angeles del 2008, nella quale sarebbero stati inclusi ben 45 minuti di spezzoni poi cancellati nel montaggi definitivo. Fra quelli ci sarebbe stato anche un bacio tra Shane (interpretato da Ryan Phillippe) e Greg (Breckin Meyer).
L'assenza di prove portò la storia a divenire una vera e propria leggenda metropolitana, perlomeno sino ad oggi. Su YouTube, infatti, è apparso un video che parrebbe mostrare proprio quel momento. La qualità delle immagini e dell'audio sono pessime, ma sufficienti a costituire una prova inconfutabile che quella scena sia stata effettivamente girata.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Un bacio lungo 84 minuti

Pubblicato il


Forse non sarà un bacio così lungo da rientrare nel Guinness World Record (dove quel primato è comunque detenuto da una coppia gay, impegnatasi per ben 50 ore) ma di certo non passa inosservata l'iniziativa lanciata da Idan Bitton ed Alfredo Calle Ferran. I due si sono baciati per ben 84 minuti consecutivi ed hanno pensato bene di documentare il tutto attraverso un video poi pubblicato su YouTube.
Anche il loro intento è semplice e naturale quanto il gesto mostrato: dire al mondo che loro due si amano e rivendicare il diritto di poterlo fare. Una protesta silenziosa ed affricata ad un gesto semplice e naturale, contro il quale viene difficile avere qualcosa da ridire. Il tutto sottolineato anche dalla didascalia pubblicata, nella quale i due si limitano a scrivere: «Noi siamo qui, ci amiamo, e questo è tutto».

Clicca qui per guardare il filmato.


Il bacio fra i rugbisty Luke Burgess e Ben Ross

Pubblicato il


Lo scatto risale al 2 aprile dello scorso anno, ma a riportarla alla ribalta in questi giorni è stato un articolo apparso sul sito di DNA. Il tutto non senza un forte eco mediato dato che, se il rugby è generalmente considerando uno sport particolarmente omoerotico, un bacio fra due rugbista non poteva che risultare come la concretizzazione di un sogno molto atteso.
I suoi protagonisti del sono l'inglese Ben Ross (classe 1980, attualmente giocatore professionista nella National Rugby League australiana) e l'australiano Luke Burgess (classe 1987, giocatore dei South Sydney Rabbitohs). Entrambi si dichiarano eterosessuali ma ben disposti a posare così davanti ad una macchina fotografica per combattere l'omofobia nello sport.
La rivista australiana, però, non fa mistero anche del perché quelle foto siano tornate a galla proprio in questi giorni. Il fratello di Burgess, George, è anche lui un rugbista professionista del South Sydney Rabbitohs ed in questi giorni ha fatto molto parlare di è per alcuni scatti apparsi su Internet, nei quali si poteva vedere il giocatore 21enne nell'atto di fotografarsi nudo davanti allo specchio del bagno (qui trovate una sua foto in campo e qui quelle che lo ritraggono nudo).

Immagini: [1] [2] [3] [4].


Baci gay nel reality show di MTV Britain

Pubblicato il


Si intitola "The Valleys" ed è un reality show realizzato in Inghilterra da MTV e basato sull'idea di seguire le storie di nove ragazzi trapiantati nella realtà di una grande città. Giunta alla sua seconda stagione, la trasmissione ha visto anche l'introduzione di un concorrente gay: si tratta di Liam Powell, un giocatore di rugby 26enne che lavora anche come modello e dj. In varie interviste racconta di volersi battere contro lo stereotipo tipico dei gay e di sperare che la sua presenza possa incentivare alcuni spettatori a fare coming out.
Visto che non siamo in Italia (dove di stereotipi ce ne intendiamo bene) è curioso notare come la sua presenza nella casa abbia scatenato goliardia e comportamenti equivoci negli altri concorrenti. L'esempio più eloquente è quello di Jason che, nonostante si dichiari eterosessuale, non si è fatto particolari problemi a fargli una sorta di lap dance ravvicinata o a baciarlo appassionatamente dopo aver fatto finta di voler scatenare una lite.
Anzi, a voler guardare bene quel bacio non dev'essergli spiaciuto poi molto visto che, da lì a poco, si è ritrovato a scherzare in discoteca a giocare con la lingua di Chidgey (un altro concorrente eterosessuale del reality).
Insomma, in un clima del tutto paradossale per chi è abituato alla televisione nostrana, ci si ritrova di fronte ad un gruppo di ragazzi dichiaratamente eterosessuali che non si fanno problemi a baciarsi e a toccarsi davanti alle telecamere...

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Days of Our Lives: il bacio tra Sonny e Will

Pubblicato il


"Il tempo della nostra vita" (Days of Our Lives) è una soap opera statunitense fra le più longeve della storia, in onda sin dal 1965. La trama racconta gli amori e gli intrighi degli abitanti della cittadina immaginaria di Salem, dove si consumano tradimenti, matrimoni e divorzi; il tutto sullo sfondo dell'ambito ospedaliero dove i protagonisti lavorano. È stata anche il trampolino di lancio di una serie di attori divenuti poi famosi, come Eric Winter, Marcus Patrick, Justin Melvey e molti altri.
Lo show è considerato generalmente tradizionalista, ma nell'estate del 2011 è stata annunciata l'intenzione di inserire all'interno della trama anche una storia gay. Così è nato il personaggio di Sonny (Freddie Smith), un ragazzo tornato a casa per vivere con la famiglia.
Nel febbraio del 2012 è andato in onda il suo primo bacio gay della soap (video), con le labbra di Sonny che si sono unite appassionatamente a a quelle di Neil (Jesse Kristofferson). Il contesto scelto, però, non era certo dei migliori: i due ragazzi si trovano ad una festa e il gesto sembrava più dettato dai fumi dell'alcool che dal sentimento.
Dopo la pausa estiva, pare che gli sceneggiatori si siano decisi ad inserire una scena in cui sono i sentimenti a spingere due ragazzi a baciarsi, finalmente sobri ed innamorati. È questo il motivo per cui alcuni considerano questo nuovo bacio, scambiato fra Sonny e Will (Chandler Massey), il primo vero bacio gay della soap.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Un bacio in campo fra fra Giroud e Debuchy

Pubblicato il


Nel corso della partita amichevole tra Francia e Germania, l'attaccante Olivier Giroud ha siglato il suo primo gol con la maglia della nazionale e ha pensato di festeggiare la rete ringraziando Mathieu Debuchy, l'autore dell'assist, con quello che a molti è apparso un bacio sulla bocca.
Sarebbe bello poter interrompere qui il racconto, lasciando parlare solo quell'immagine dalle forti connotazioni omoerotiche, ma purtroppo si sa che nel mondo del pallone la dietrologia e le polemiche sono sempre dietro l'angolo. Ed è così che a fine partita i giornalisti si sono precipitati da Giroud per chieder conto del gesto e lui, forse conscio dell'omofobia che regna nel settore, ha negato il tutto dicendo che non c'è stato alcun contatto fra le loro bocche e che si è trattato solo di un'illusione ottica causata dalla prospettiva fornita dalla telecamera.
A dire il vero esiste anche uno scatto che dimostrerebbe la sua tesi, ma la necessità di doversi giustificare davanti ad un gesto che di per sé appariva così naturale e spontaneo va decisamente a rovinare la poesia del momento e, purtroppo, mostra ancora una volta come nel calcio ci sia una sorta di attenzione morbosa nei confronti di gesti considerati "troppo gay".

Clicca qui per guardare le immagini del momento.


Il bacio gay di un marine spopola sul web

Pubblicato il


Sappiamo che il Don't ask, don't tell (la norma statunitense che vietava di vivere apertamente la propria omosessualità all'interno delle forze armate) non c'è più, ma un conto è saperlo ed un altro è constatarlo con i propri occhi.
È per questo motivo che in queste ore sta letteralmente facendo il giro del mondo una fotografia che mostra un appassionato bacio fra il marine Brandon Morgan ed il suo compagno, giunto all'aeroporto militare delle Hawai per accoglierlo al suo rientro da una missione all'estero.
L'immagine era stata postata nel fine settimana sulla pagina Facebook di Gay Marines e ha ricevuto migliaia di "Mi piace" da parte dei visitatori, attirando così anche l'attenzione della stampa tradizionale.
«Il mio compagno ed io vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno risposto in modo positivo a questa immagine» è stato il commento del sergente Morgan, che poi ha preferito precisare che lo scopo «non era quella di diventare famoso o di ostentare i suoi sentimenti verso il suo compagno, Dalan Wells. Stiamo insieme da quattro anni e con questo bacio volevamo dimostrarci quello che sentiamo l'uno per l'altro».
Prima di loro solo un altro bacio gay, quella volta scambiato da due donne, era stata immortalato dall'obiettivo di una macchina fotografica: si trattava del tradizionale homecoming kiss in occasione del ritorno al porto di partenza di una nave della marina militare.

Immagini: [1]


Un bacio gay fra Nicolas Vaporidis e Primo Reggiani nel video di Dolcenera

Pubblicato il


"Ci vediamo a casa", il brano portato a Sanremo 2012 da Dolcenera, farà da colonna sonora anche all'omonimo film di Maurizio Ponzi, che uscirà nelle nelle sale il prossimo aprile, dedicato al racconto di tre storie d'amore di altrettante coppie molo diverse fra loro, ma unite dalla ricerca di una casa nella quale vivere insieme. Tra i protagonisti del film ci saranno anche Nicolas Vaporidis e Primo Reggiani, ai quali è stata affidata la parte di una coppia omosessuale.
Ed è così che all'interno del video ufficiale del brano di Dolcenera, uscito proprio in questi giorni, sono stati montati anche alcuni spezzoni del film di prossima uscita, fra i quali anche quelli che ritraggono un appassionato bacio fra i due attori.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] - Video: [1]


Torna gay il bacio più lungo del mondo

Pubblicato il


Con un bacio durato ben 50 ore, una coppia di ragazzi gay thailandesi ha segnato il nuovo record per il bacio più lungo del mondo registrato dal Guinness World Record.
I due avevano preso parte ad una maratona organizzata nella città di Pattaya, in Thailandia, il 12 febbraio scorso con lo scopo di segnare un nuovo record due giorni più tardi in occasione di San Valentino.
Le regole ferree della sfida prevedevano che le labbra dei partecipanti non dovessero mai separarsi e che le coppie non potessero mai sedersi o riposarsi. Era consentito soltanto bere acqua, tè, latte, succhi di frutta o caffè, ma solo attraverso l'uso di cannucce e senza mai sperare le labbra. I concorrenti potevano sì recarsi in bagno, ma solo ogni tre ore ed anche in quell'occasione dovevano restare abbracciati sotto gli occhi di un supervisore.
In precedenza il record era stato segnato nel 2010 da un'altra coppia formata da due ragazzi (seppur eterosessuali) che sotto una tenda allestita presso campus del College of New Jersey avevano tenuto le loro labbra unite per ben 33 ore consecutive. Successivamente, però, quel primato venne strappato da una coppia di Bangkok (formata da un uomo e da una donna) che avevano raggiunto le 46 ore, 24 minuti e 9 secondi. Ora il record è tornato ad essere gay, tornando nuovamente nelle mani di due persone dello stesso.

Video: [1]


Il primo homecoming kiss gay della marina statunitense

Pubblicato il


È tradizione della marina militare statunitense che un marinaio baci l'amore della sua vita una volta tornato a casa dopo una lunga missione in mare.
Quest'anno il tradizionale bacio è stato affidato a Marissa Gaeta (23 anni), un sottufficiale gay parte dell'equipaggio della Uss Oak Hill. Ad aspettarla sul molo, al suo ritorno in Virginia, c'era la sua compagna Citlalic Snell (22 anni), anch'essa sottufficiale di marina.
Ed è così che le foto del loro bacio appassionato stanno facendo il giro del mondo: si tratta del primo homecoming kiss gay della storia statunitense, reso possibile dalla recente abolizione del "Don'ask, don't tell".
Le due ragazze si erano conosciute durante il corso di addestramento, quando erano compagne di stanza, e convivono da circa due anni. «All'inizio eravamo costrette a nasconderci -ha raccontato Citlalic- ed è stata dura durante il "Don'ask, don't tell". Ora sono felice perché finalmente possiamo essere sincere riguardo alla nostra relazione».


Un bacio gay in diretta su Al Jazeera

Pubblicato il


Il canale satellitare in lingua inglese di Al Jazeera era in collegamento con Madrid, dove il reporter stava raccontando i festeggiamenti in pizza per la vittoria del partito popolare. Ad un certo punto, però, alle sue spalle sono comparsi due ragazzi che hanno deciso di esibirsi in un lungo ed appassionato bacio gay a favore di telecamera.
Non si conoscono le esatte ragioni del gesto, ma è facile ipotizzare che fosse in dissenso con il centrodestra che, tornato al potere dopo i sette anni di governo Zapatero, rischia di rimettere in discussione tutti i diritti conquistati dalla comunità lgbt spagnola in questi anni.
Il governo socialista, infatti, ha garantito al Paese una serie di riforme sui temi legati ai diritti civili fortemente osteggiati dalla destra, fra i quali anche la legalizzazione del matrimonio fra persone dello stesso sesso. Norma su cui i popolari hanno calcato la mano in campagna elettorale, promettendo di metterci mano nonostante il parere contrario già espresso dalla Corte Costituzionale.

Immagini: [1] [2] [3] - Video: [1]


Un bacio fra il Papa e l'Imam nella nuova campagna pubblicitaria Bennetton (già ritirata)

Pubblicato il


Si chiama "UnHate" ed è la nuova campagna pubblicitaria lanciata ieri a Parigi da Alessandro Benetton. L'intento dichiarato, come suggerisce il nome stesso e che è anche il nome dell'associazione che sta dietro all'iniziativa, èquello di promuovere una nuova cultura di tolleranza. Per farlo si era scelto di creare delle immagini provocatorie in cui vari leader politici e religiosi si baciavano fra loro.
A Milano, dinnanzi a Piazza Affari, è stato affisso un cartellone con un bacio tra Barack Obama ed il politico cinese Hu Jintao, ma è a Roma che si è assistito alla provocazione maggiore: su Ponte Sant'Angelo, a pochi passi dal Vaticano, è stato srotolato uno striscione raffigurante un bacio fra Papa Ratzinger e l'Imam de Il Cairo.
Era prevedibile ed inevitabile che immagini simili potessero suscitare reazioni contrastanti (ed in fondo è quello il senso di una provocazione: far scaturire una discussione ed un confronto di fronte ad un'immagine "forte"), ma nel caso specifico si è registrata una reazione particolarmente scandalizzata da parte del mondo cattolico.
«Io penso che la malizia sia soprattutto negli occhi di chi guarda -aveva dichiarato Benetton in conferenza stampa- È possibile dare tante interpretazioni alle cose. Mi piacerebbe pensare che chi guarda questa campagna o chi avrà l'occasione di vederla pensi invece agli elementi di riconciliazione e non di rottura». Ma evidentemente non è stato così.
Dapprima i PapaBoys -shockati nel vedere il lor pontefice raffigurato in un bacio gay con il leader di un'altra religione- hanno proposto di boicottare il marchio di abbigliamento, poi è arrivata anche la presa di posizione più ufficiale da parte del Vaticano stesso che ha definito inaccettabile l'uso improprio dell'immagine del Papa.
A quel punto all'azienda non è rimasta altra scelta se non quella di ritirare la campagna ancor prima che potesse vedere l'alba del giorno dopo.
Va ricordato che questa non è la prima volta che Benetton suscita le ire del mondo cattolico attraverso le sue provocazioni, come ad esempio negli anni '80 quando uno scatto di Oliviero Toscani raffigurante un bacio fra un prete e una suora (foto) suscitò polemiche altrettanto aspre.


Sean Connery protagonista del primo bacio fra due uomini trasmesso in TV

Pubblicato il


Secondo una recente ricerca, quello tra Sean Connery e Richard Pasco sarebbe stato il primo bacio fra due uomini mai trasmesso in televisione. Il tutto avvenne nel lontano 1960 all'interno di "Colombe", una fiction realizzata della BBC.
Va precisato che non si trattò, però, di un bacio gay: i due attori impersonificavano due fratelli e il personaggio Sean Connery baciò quello Richard Pasco perché convinto che avesse una storia con sua moglie e desiderava scoprire che cosa potesse aver attirato le attenzioni della donna.
Ai tempi il tutto non suscitò alcuno scandalo, perlomeno secondo quanto racconta Dick Fiddy, un consulente della British Film Institute. A farlo accettare di buon grado agli spettatori contribuì il contesto della scena e il fatto che si trattasse di una trasposizione di un'opera teatrale.
Al contempo Fiddy si dice assolutamente certo che quello sia stato il primo bacio fra due uomini mai trasmesso in televisione.