Visualizzazione post con etichetta musica. Mostra tutti i post

Michele Grandinetti e la reinterpretazione in chiave gay-friendly di "Love Me Like You Do"

Pubblicato il


Michele Grandinetti è il protagonista di una versione a duetto di "Love Me Like You Do", canzone tratta dalla colonna sonora di "Cinquanta sfumature di grigio", reinterpretata in modo che il testo risulti rivolto ad un altro ragazzo (l'artista olandese Oliver Lord).
«Come sappiamo -ci racconta Michele- il primo pensiero associato a "Cinquanta sfumature di grigio" è di tipo sessuale, ma per me è il messaggio di poter dichiarare il proprio amore senza doversi mai vergognare il concetto più importante che spero arrivi sempre e con convinzione a chi mi segue nel mio progetto artistico e musicale. Credo che alcune volte uno sguardo complice tra due ragazzi o due ragazze, e quindi un video semplice in cui due persone dello stesso sesso cantino reciprocamente di amore nella maniera più dolce e naturale possibile (anche attraverso un sorriso scambiato carico di affetto), possa essere utile alla causa lgbt tanto quanto altre immagini o video più d'impatto».
Non è la prima volta che il cantante sceglie contesti simili e son tanti i ragazzi adolescenti che hanno scelto di ringraziarlo per il suo lavoro data l'immagine di normalità che viene conferito ad un rapporto che è tale: passionale, tenero e sensuale indipendentemente dal sesso dei protagonisti che vivono la propria storia d'amore.

Clicca qui per guardare il video.


The book of love, la cover di Osvaldo Supino per festeggiare San Valentino

Pubblicato il


È in occasione di San Valentino che Osvaldo Supino ha deciso di dedicare ai propri fan una cover di "The book of love" di Peter Gabriel. Il brano viene riproposto in una versione live piano e voce, mostramdo la faccia più intima del cantante che per questa occasione mette da parte le sue consuete sonorità electro dance.
«A San Valentino si celebra l'amore, in tutte le sue forme -racconta- ed io in questi ultimi anni ne ho ricevuto tanto, specialmente dai miei fans. Questa è una delle canzoni d'amore più belle e piene di significato che abbia mai conosciuto e ho pensato di dedicarla proprio a loro e a tutte le persone che mi sono accanto ogni giorno».
Ad accompagnare l'uscita della cover è anche un videoclip realizzato proprio durante la registrazione della canzone, nel quale l'artista si trova in una sala di registrazione mentre è immerso in un clima romantico creato da centinaia di candele.
«Penso che siamo parte tutto di un unico sistema e se possiamo lanciare dei messaggi positivi, fare delle azioni, anche piccole, ma che possono avere degli effetti positivi sugli altri, non dobbiamo tirarci indietro. È questo che voglio trasmettere con la mia musica, con quello che faccio». ha aggiunto.

Clicca qui per ascoltare il brano.


La fine di un amore gay rivissuta sulle note di "Estate" di Bruno Martino

Pubblicato il


Roberto Laureri è il videomaker indipendente che ha realizzato un bellissimo corto in cui si racconta la fine di un amore fra due uomini. Il tutto sulle note della popolarissima canzone "Estate" di Bruno Martino. «È una canzone che parla della fine di un amore, un amore che per l'opinione pubblica è tra un uomo e una donna, ma in realtà non si parla mai né di un lui né di una lei», precisa l'aurore.
Le immagini ci portano a rivivere un'intera storia, dalla solitudine di chi è solo all'incontro fortuito di un uomo che potrebbe cambiarci la vita. E poi, ancora, i primo amori e le prime passioni sino ad un continuo deterioramento del dialogo che poterà i due protagonisti a prendere la dolorosa decisione di separare le proprie strade. Né più né meno di quanto raccontato nel lontano 1960 da Bruno Martino, seppur rivissuto in chiave gay proprio a voler rimarcare come il testo di una canzone debba potersi adattare alle sensazioni di ogni singolo ascoltatore senza che sia l'interpretazione più comune a dover avere la meglio.

Clicca qui per guardare il video.


Sanremo 2015: ecco il brano contro l'intolleranza di Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi

Pubblicato il


«Io non so mai chi sono eppure sono e vivo, più del pregiudizio che scortica cattivo. Ma quando spio il mio corpo che si riflette piano, non c'è una donna o un uomo solo un essere umano». È questo un passaggio di "Io sono una finestra", il preannunciato brano potato sul palco dell'Ariston da Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi.
Complice un'esecuzione dal vivo non troppo convincente ed un testo di difficile comprensione al primo ascolto, il brano risulta già a rischio eliminazione. Eppure c'è e con lui c'è anche un messaggio forte contro le discriminazioni lanciato ad un pubblico generalista come quello di Sanremo. Nelle parole c'è tutto il dolore e la sofferenza provocata da chi è alla spasmodica ricerca di etichette da attribuire agli altri, spesso in una visione del mondo in bianco e nero dove non c'è posto per le sfumature.
L'ipocrisia e una coscienza iconoclasta fanno sì che l'uomo non sia più tenuto a rispondere a sé stesso, ma debba necessariamente ritrovarsi a dare spiegazione alla gente, pronta a giudicare e a dimenticare che ogni essere umano è di per sé completo e meritevole di rispetto a propri.

Clicca qui per ascoltare il brano.


Pablo Hernandez nel nuovo videoclip di Manila Luzon

Pubblicato il


Pablo Hernandez è sicuramente uno dei modelli più conosciuti di Andrew Chritian, ma la sua carriera non si esaurisce certo con gli ingaggi dello stilista. È apparso in innumerevoli servizi fotografici, così come fra le sue competenze fiigura anche qualla di attore. Ed è proprio in quella veste che è stato chiamato ad interpretare il fidanzato di Manila Luzon nel nuovo videoclip musicale dell'artista, dal titolo "Stuck On You".
Le immagini ci raccontano le difficoltà di una more vissuto a distanza, con stress e solitudini dovute al lungo tour intrapreso da Luzon. Le varie sequenze alternano alcuni spezzoni dei suoi spettacoli a quelle di Pablo, impegnato nella sua routine domestica e limitato nel poter comunicare solo telefonicamente con il suo compagno.
Il video presenta anche un breve cameo di Bianca Del Rio, così come non passa inosservato l'abito indossato dal performer (interamente realizzato con dei post-it).

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] - Video: [1]


Intervista a Paolo Tuci dopo l'uscita di "Jem & C."

Pubblicato il


Paolo Tuci è tornato con un'intero album di cover tratte dalle più famose sigle dei cartoni animati anni '80 e '90. Tra i brani proposti figurano figurano titoli come Jem, Occhi di gatto, Creamy, Mila e Shiro, Holly e Benjy... insomma, vere e proprie colonne portanti dell'infanzia di intere generazioni. Per conoscere meglio il progetto, l'abbiamo incontrato.

Com'è nata l'idea di un album basato sulle cover dei cartoni animati anni '90?
Ero al Queever Torino e ho visto che il pubblico saltave vertiginosamente al passaggio della sigla Jem. Preso dall'entusiasmo di qualche Vodka Redbull, ho partorito quella malsana idea di reinterpretarla in versione, manza!

La notizia della registrazione del video live al Queever di Torino ha creato un vero tam tam in rete e un'affluenza record. Te lo saresti aspettato?
Il Queever oltre che ad essere la serata di punta del nord-ovest Italia è una grande location che racchiude una piccola grande famiglia lgbt, e dunque abbiamo semplicemente ampliato questa famiglia rendendo il suo pubblico parte attiva durante le riprese e persino -con un numero limitato in questo caso- nei backstage.
Trovo carina l'idea di poter vedere come si gira un videoclip, ed ancor di più se parliamo dei nostri cartoni animati preferiti!


Leggi tutto il post »

Michele Grandinetti torna a cantare l'amore fra due uomini con "Our Story"

Pubblicato il


Ci siamo già occupati di Michele Grandinetti, il cantante milanese che il grande pubblico ha conosciuto grazie alla selezioni di X-Factor 6. Da tempo impegnato sensibilizzare il pubblico sui diritti lgbt attraverso le cover che pubblica regolarmente sul suo canale YouTube, ha ora lanciato il suo primo brano originale dal titolo "Our Story".
Il testo racconta la storia d'amore tra Giulio e Tommaso, i due protagonisti delle fortunata webserie G&T. la scelta non è certo casuale dato che il videoclip porta la firma degli stessi registi ed attori della serie (Francesco D'Alessio e Matteo Rocchi). Nata come una delle prime webserie gay italiane, G&T ha totalizzato più di 21 milioni di visualizzazioni ed è seguita successo negli Stati Uniti, Francia, Spagna, Tailandia, Indonesia e Cina.
Il brano "Our Story" è già disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Clicca qui per guardare il video.


Paolo Tuci ci riporta nel 1988 con "Jem"

Pubblicato il


L'attesa è finalmente finita e, dopo le prime anticipazioni, è finalmente giunto il momento di poter assaporare la nuova fatica discografica di Paolo Tuci. Si tratta di una cover della sigla di Jem, il celeberrimo catone animato del 1988 che è divenuto un vero e proprio oggetto di culto da parte di un'intera generazione di gay.
Il tutto è accompagnato anche da un bellissimo video realizzato al Queever di Torino, con costumi e ciuffi colorati che ci fanno riassaporare il gusto di un ricordo. Naturalmente non poteva mancare anche una qualche novità, ed è così che il gruppo delle The Holograms (originariamente composto dalla sorella di Jem, Kimber Benton, e dalle sue amiche Aja Leith e Shana Elmsford) si è magicamente trasformato in un trio di aitanti ragazzi (Alessandro Campanale, Andrea Jensen e Marvis Omorogbe).
Le sorprese, però, paiono destinate a non finire qui ed il singolo in questione è parte di un progetto più ampio: l'album intitolato "Jem & C." in cui trovano spazio ben dodici cover di altrettanti celebri cartoni animati anni '80 e '90, tutti ovviamente arrangiatati nell'inconfondibile stile di Tuci.
I titoli spaziano da Occhi di gatto a L'incantevole Creamy e da Mila e Shiro a Holly e Benjy. E poi, ancora, Alvin Rock'n'Roll, Memole dolce Memole, Lupin, Dragon Ball, Kyashan e Polymar, Sailor Moon e La bella e la bestia.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] - Video: [1]


Take Me to Church

Pubblicato il


Hozier è un cantante irlandese che è stato ospite della quarta puntata di X-Factor, ma è anche l'autore di un brano intitolato "Take Me to Church". Inizialmente nato come un brano che avrebbe dovuto parlare della rottura con la sua ex, è poi è diventato un testo incentrato sulla storia di due ragazzi innamorati che vengono ostacolati dall'omofobia religiosa. Il tutto viene anche sottolineato in modo crudo e schietto in un video che denuncia le discriminazioni omofobe inflitte in Russia dai gruppi estremisti (troppo spesso appoggiati dalla chiesa ortodossa).
Nonostante il brano risalga ormai allo scorso anno, è un lettore a chiederci di parlarne dopo essere rimasto o affascinato dal brano e dal contesto che lo accompagna: nonostante Hozier sia eterosessuale e nonostante l'Irlanda sia caratterizzata da una forte religiosità, quella denuncia all'ipocrisia di una parte della Chiesa ha raggiunto le vette delle classifiche di YouTube, quasi a voler testimoniare che le cose stiano cambiando e che la maggior parte dei cristiani è ormai stufo di chi usa la Bibbia come una giustificazione di ciò che dipende esclusivamente dai propri pregiudizi.

Clicca qui per guardare il video.


Paolo Tuci rivisita i cartoni animati anni '80

Pubblicato il


Pare impossibile pensare agli anni '80 senza dedicare almeno un pensiero alle sigle dei cartoni animati di quegli anni. Ed è così che Paolo Tuci ha pensato bene di iniziare a lavorare su un album che possa porsi come un'omaggio a quel mondo.
Il tutto verrà anticipato a dicembre con l'uscita del singolo "Jam", cover della sigla dell'omonima serie animata targata 1985. Il cartone animato ruota attorno alla figura di Jerrica Benton, una ragazza che ha ereditato dal padre una casa discografica rovinosamente in bolletta. Grazie al potentissimo computer Energy, però, Jerrica scopre la possibilità di trasformarsi nella popstar Jem. Da qui l'appiglio per un nuovo progetto musicale che possa ricalcare i successi lanciati nella serie (anche considerato come quel cartone animato sia stato un cult per un'intera generazione di gay).
Dal punto di vista musicale, invece, la sigla originale è stata composta da Carmelo Caruccim, è stata scritta da Alessandra Valeri Manera ed è stata interpretata da Cristina D'Avena.

Clicca qui per guardare il teaser di Jam.


Maniac, il nuovo singolo di Alex Palmieri

Pubblicato il


Ad un anno di distanza dalla sua ultima fatica discografica (l'album "Back Alive"), il ventitreenne Alex Palmieri è tornato con un nuovo singolo dal titolo "Maniac".
Distribuito da Believe Digital, il brano sarà anche la colonna sonora di "Just Us", la webserie lgbt che uscirà a dicembre e che vedrà lo stesso Alex come protagonista con il ruolo di Roberto (un ragazzo ventenne combattuto tra l'attrazione per Stefano ed il suo ex storico Andrea).
«Sono molto entusiasta di questo progetto -racconta Alex- Non vedo l'ora di tornare sotto i riflettori e raccontare ancora una volta una parte di me. Il singolo "Maniac" mi è stato ispirato dai messaggi dei miei fan ricevuti in questi anni e che non hanno mai smesso di crederci tanto quanto me: in questo brano racconto delle paure che talvolta ci impediscono di realizzare i propri sogni, e della forza che una persona deve trovare dentro di se».
Mentre è già stata diffusa la prima anteprima del brano (in uscita nei digital store il 28 novembre), proprio in questi giorni Alex ed i suoi ballerini sono al lavoro per la realizzazione del videoclip: sarà prodotto da Martina Brunelli e Tommaso Bassini (registi del videoclip di Lovekiller) e vedrà la presenza di effetti speciali ed interi set creati in computer grafica.

Alex Palmieri inizia a farsi conoscere nel 2010 grazie al salotto di Barbara D'urso e da li a poco diventa uno dei personaggi più discussi della rete con oltre un milione di risultati sui motori di ricerca. Il settimanale Di tutto lo ha definito «la risposta italiana a Justin Bieber» ed i suoi brani hanno toccato anche terza posizione della classifica di iTunes.
Al suo attivo si contano anche numerose apparizioni televisive e la partecipazione al realty di Rai 2 "Social King" (dove è giunto fra i finalisti). Alex è considerato anche un esempio per chi sogna di fare della musica una professione anche in maniera indipendente. Ha chiuso cinque tour in giro per l'italia e con il singolo "Wasted" ha debuttato in spagna nel 2013. Sempre nel 2013 si è esibito davanti oltre 40mila persone in occasione del Milano Pride.

Clicca qui per guardare l'anteprima del nuovo singolo.


Indie Pride: confermati gli Hidden Cameras e il gemellaggio con il Gender Bender Festival

Pubblicato il


Il 18 ottobre l'Indie Pride e TPO porteranno sul palco di Bologna l'unica data italiana dei canadesi The Hidden Cameras ed il loro primo singolo dell album "Age" che si pone come una forte denuncia contro gli atti di bullismo omofobico. Ma non solo. Quest'anno l'Indie Pride sarà partner e preview ufficiale del Gender Bender Festival (in programma dal 25 ottobre al 2 novembre).
A fare da collante per l'evento sarà una denuncia dell'omofobia: «Indie Pride e TPO -si legge nel comunicato stampa- sono convinti che la lotta a transfobia, lesbofobia e omofobia vada letta attraverso l'equazione che, in Europa, vede le discriminazioni più marcate nei paesi dove i diritti riconosciuti alla comunità LGBT sono minori. In questo senso l'Italia vive di mancanze: riferendosi non solo al same sex marriage o all'adozione ma anche a politiche di tutela sul lavoro e a misure reali di welfare, all'introduzione dell'educazione ai generi nelle scuole statali che sono tristemente il primo luogo in cui l'orientamento sessuale è causa di emarginazione e bullismo».


È un amore fra due uomini quello raccontato nel nuovo video musicale di Michele Grandinetti

Pubblicato il


«Il video è semplicissimo: per tutta la durata della canzone il mio sguardo è fisso nei negli occhi di un ragazzo a cui dichiaro il mio amore. La telecamera riprende il tutto in un'unica ripresa, senza tagli. Quello che vorrei si percepisse è il fatto che non dovremmo mai e poi mai vergognarci di amare». Così Michele Grandinetti spiega il significato del videoclip che accompagna la sua cover di "Say Something".
Ad accompagnarlo sul set incontriamo Viorel Alexandrovic Mitu, un attore e modello di origine moldava e detentore del titolo di Mister Europa 2013.

Grazie ad una borsa di studio, a 17 anni Michele lasciò Lamezia Terme per seguire la sua passione e studiare canto presso il Berklee College of Music di Boston. Una serie di incontri professionali lo portarono nel 2006 a firmare un contratto discografico con la Sony BMG Thailandia, divenendo ben presto un volto abbastanza noto del panorama musicale thailandese. Il colpo di stato avvenuto nel Paese asiatico lo costrinse a rientrare in Italia, così come la morte del suo produttore intaccarono le sue speranze di poter riprendere la carriera appena interrotta. Decise così di iniziare a studiare Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità in un'università milanese.
Nel 2012 si presentò ai provini di X-Factor 6. Superò le pre-selezioni, le audizioni ed bootcamp, interrompendo la sua avventura agli homevisit (durante i quali venne comunque proposto da Morgan per un possibile ripescaggio).
L'esperienza riaccese la sua passione per la musica e lo spinse ad aprire un proprio canale su YouTube in cui pubblicare periodicamente alcuni suoi video.

Clicca qui per guardare il video.


Paolo Tuci torna a proporre le grandi hit degli anni novanta: è la volta di "Baby Baby"

Pubblicato il


Dopo il successo di "A90", Paolo Tuci torna a dare voce ad un'altra grande hit della musica dance degli anni '90. Si tratta di "Baby Baby", registrata nel 1995 da Corona ed inclusa nell'album "The Rhythm of the Night". La canzone riscosse un grandissimo successo negli ambienti dance e raggiunse la top ten in numerose classifiche mondiali (tra cui la prima posizione della classifica dei singoli in Israele e la terza nel Regno Unito).
Nell'occasione Tuci ha anche voluto rendere disponibile per il download gratuito anche un extra pack del suo ultimo album (clicca qui per scaricarlo), all'interno del quale sono contenute tre tracce: "Baby Baby", la versione acustica di "A90" e la versione spagnola di "A90".

Clicca qui per ascoltare "Baby Baby".


Livin' again, il nuovo album di Osvaldo Supino

Pubblicato il


Si intitola "Livin' Again" ed è il nuovo album di Osvaldo Supino. Girato interamente a New York da Shar Adrias, il videoclip racconta un divertente e contagioso gioco d'amore ambientato tra i luoghi più iconici della grande mela. L'idea è nata in occasione dell'esperienza americana di Osvaldo, chiamato a rappresentare l'Italia al Pledge AntiBully di New York, il festival internazionale più importante per la lotta al bullismo.
«Ogni video, ogni brano che ho registrato in questi anni è stato realizzato e racconta di un particolare momento della mia vita -racconta Supino- quasi fossero tutti punti di un lungo diario di viaggio. Non potevo non raccontare questo momento così importante per la mia carriera e la mia prima volta a New York. È una città straordinaria, che ti parla continuamente, frenetica e romantica allo stesso tempo, esattamente in linea con il mood del brano».
Il rilascio del videoclip di "Livin' Again" arriva al centro di un massivo tour del cantante, partito lo scorso 1° giugno da Ferrara (dova ha aperto il concerto di Patty Pravo e Gloria Gaynor) e proseguito per Spagna, Usa, Svizzera, Italia e Germania.

Clicca qui per guardare il video.


Quando i ragazzi di Oxford si danno a Shakira

Pubblicato il


Gli Out of the Blue sono un gruppo a cappella composto da alcuni studenti dell'Università di Oxford e della Oxford Brookes University. Fondato nell'ottobre del 2000 da Derek Smith, il gruppo ha tenuto concerti regolari e si è esibito anche in alcuni spettacoli televisivi (fra cui anche Britain's Got Talent nell'aprile del 2011, conquistando la semifinale).
Ora pare siano riusciti a conquistare il mondo di Internet attraverso un video immediatamente divenuto virale, all'interno del quale quindici studenti in perfetta uniforme oxfordiana si cimentano in una rivisitazione di Shakira (attraverso successi come "Whenever", "Wherever" e il "Waka Waka"). Il tutto accompagnati dalle immagini che ce li mostrano ballare per i prati e le strade lastricate di Oxford.
Ad apparire determinante per il loro successo è stata la stessa Shakira che, attraverso Twitter, si è pubblicamente complimentata con loro dinnanzi ai ai suoi 26,2 milioni di followers.
Il brano è già stato retweettato più di 1.200 volte e è stato inserito fra i preferiti da 1.800 utenti. Su Facebook, invece, ha collezionato più di 88.000 like e 10.000 condivisioni.

Clicca qui per guardare il video.


Dear Jack: un bacio in bocca fra Alessio Bernabei e Lorenzo Cantarini

Pubblicato il


Nel pomeriggio di ieri i Dear Jack sono stati ospiti del Centro Commerciale Campania di Marcianise (Caserta) per incontrare i fan e firmare le copie del loro nuovo album. Ed è proprio in quel contesto che Alessio Bernabei e Lorenzo Cantarini (qui in foto) hanno deciso di alzarsi in piedi e di baciarsi sulla bocca fra le urla festanti dei presenti.
Il tutto è stato immortalato da uno scatto matoriale poi finito su Instagram, il tutto corredato da una descrizione in cui cui si precisava come quello fosse stato «un bacio a stampo». La notizia è stata così ripresa da Bitchyf e rilanciata a macchia d'olio sulla rete.
C'è chi ha scelto di parlare di una possibile omosessualità dei due e chi ricorda come lo sbandierato feticismo di Alessio per i piedi femminili parrebbe suggerire l'opposto... ma in fin dei conti sono mesi che la band gioca con la propria sessualità e l'ambiguità pare essere una caratteristica che li contraddistingue. Non a caso quando un utente di Ask.fm ha chiesto al cantante se avesse mai baciato un uomo, lui non ha avuto dubbi nel rispondere «tutti i giorni (pur precisando di essere eterosessuale).
Il quadro che ne esce pare essere quello di un gruppo di giovani che non ha timore nel vivere la propria affettività senza preoccuparsi troppo di tabù o possibili fraintendimenti.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Livin' Again, il nuovo singolo di Osvaldo Supino

Pubblicato il


Si intitola "Livin' Again" ed è il brano che segna il ritorno di Osvaldo Supino. Prodotto dal duo americano Ray & Renny (Akon, Leona Lewis, Ying Yang Twins) il singolo ha già raggiunto i vertici della classifica dance di iTunes, ponendosi come un'irrefrenabile e ipnotica uptempo, caratterizzata da superbe influenze dance internazionali, risultato coerente di una stretta collaborazione con autori come Luke Mitchell (a capo della produzione del brano) e che sicuramente rappresenta un'evoluzione artistica di uno degli artisti che più si differenzia dal panorama musicale tipico italiano.
«A volte è una necessità andare oltre se stessi, ricominciare, e imporsi una trasformazione -spiega Osvaldo- Per me ogni brano rappresenta la possibilità di reinventarmi, e di "vivere nuovamente" appunto. Volevo tornare con un brano che parlasse di speranza e positività e quando ho ascoltato per la prima volta "Livin' again" ho capito subito che era proprio ciò che stavo cercando».
Il singolo anticipa l'uscita del nuovo album di Osvaldo Supino (previsto per ottobre) e giunte in concomitanza con tour dell'artista iniziato lo scorso 1° giugno da Ferrara al "Comacchio Summer Fest".

Clicca qui per ascoltare il brano.


Il nuovo video di Annalisa Scarrone, in anteprima per gli utenti Line

Pubblicato il


Ad un anno di distanza dall'uscita di "A modo mio amo", Annalisa Scarrone torna sulla scena con il nuovo singolo "Sento solo il presente" scritto da Kekko dei Modà.
Per la realizzazione del video la Warner Music Italy ha stretto un accordo con Line (un'applicazione di messaggistica istantaneo per telefoni cellulari) e non è un caso se nel video l'artista interagirà proprio con quell'applicazione, mostrando alche alcune immagini inviatele dai suoi fan. A tutti gli iscritti al servizio, infatti, è stata data la possibilità di inviare del materiale multimediale all'account della cantante e fra i 15mila contributi ricevuti la produzione ne ha selezionati 49 da mostrare all'interno delle riprese.
L'uscita ufficiale del videoclip è programmata per il 16 maggio, ma gli utenti di Line potranno vederlo in anteprima già da ora semplicemente visitando il profilo della cantante.


Paolo Tuci: esce il video ufficiale di "A90"

Pubblicato il


Dopo i teaser e le anteprime, arriva su YouTube il video integrale del nuovo singolo di Paolo Tuci e Immanuel Casto, dal titolo "A90". Giunto nella Top 10 dei digital store già nei primi giorni dopo la sua uscita, il brano saprà stupire anche grazie ad video a 16 bit che non mancherà di suscitare un po' di nostalgia in chiunque abbia vissuto gli anni '90 (a cui sono dedicati tutti i brani che andranno a popolare la compilation).
Mentre i due cantati si aggireranno per un mondo virtuale alla Mario Bross, sono molte le immagini che rievocheranno dei ricordi negli over 30: dalle ragazze di Non è la Rai al Calippo e dal Crystal Ball al Game Boy.... il tutto con un un ritornello orecchiabile che pare avere tutte le carte in regola per diventare il tormentone dell'estate 2014.

Immagini: [1] [2] - Video: [1]