Un pastore racconta che Melania Trump avrebbe preteso un esorcismo della casa bianca prima di trasferirsi



È il pastore Paul Begley ad aver fieramente raccontato un agghiacciante retroscena riguardo all'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca. Il predicatore si dice convinto che quelle mura fossero possedute a causa di quelli che lui definisce come «idoli, immagini ed artefatti demoniaci» che sarebbero stati introdotti durante l'era di Obama, motivo per cui Melania Trump avrebbe optato per la convocazione di 40 religiosi -tra predicatori e preti- incaricati di esorcizzarla. In caso contrario la first lady si diceva certa che non avrebbe mai «trascorso una notte al suo interno».
Il pastore racconta anche che «durante quelle cinque ore in cui stavano strappando i tappeti e cambiando le tende, c'erano persone toglievano tutto. L'unica cosa che è rimasta è una croce su un muro. Hanno purificato la Casa Bianca. C'erano persone lì dentro che si ungevano con olio e pregavano dappertutto».
Begley è un integralista che predica una imminente apocalisse, ma pare abbia una certa familiarità con il Presidente dato che può affermare di aver visto Trump che per ben sette volte avrebbe invitato alcuni religiosi all'interno della Casa bianca per ungerlo con olio, imporgli le mani e pregare per lui.
1 commento