Dopo anni, finalmente Adinolfi ammette che non erano in "due milioni" al family day di Gandolfini



Mario Adinolfi sostiene che il ballo debba riguardare solo un maschio e una donna a lui sottomessa. Da copione, ovviamente, ad interessargli non è tanto il fatto che lui possa essere lasciato libero di poter decidere con quale donna o quale delle sue molteplici mogli voglia ballare, lui esige che agli altri sia vietato di poter ballare con persone che non risultino il riflesso delle sue più pruriginose fantasie sessuali..
Peccato che le affermazioni di Adinolfi siano storicamente solo un'altra delle sue numerose bugie. Il fondamentalista pare ad esempio ignorare che il tango sia nato proprio come ballo tra uomini, così come i suoi riferimenti alle balere che dice di frequentare pare dimenticarsi ci come la tradizione italiana preferisse il ballo tra uomini nel timore che un qualche bellimbusto potesse osare sfiorare una donna.
Ignoranza o malafede? Non si sa. Ma si sa che dopo due anni passati a giurare sulla Madonna che al "family day" di Gandolfini ci fossero state «due milioni» di persone, è in una intervista rilasciata poco prima delle elezioni che il fondamentalista ha ammesso che i numero fossero assai altri, parlando di «centinaia di migliaia di persone». Quindi 150-200mila persone, non quella cifra moltiplicata per più di mille che spacciava si suoi proseliti.
Commenti