Ancora omofobia a Ballando con le Stelle. Per Mariotto il ballo same-sex «crea confusione ai bimbi innocenti»



L'omofobia pare essere diventato il traino su cui punta l'attuale edizione di Ballando con le Stelle. Dopo le polemiche suscitate da Ivan Zazzaroni, ecco arrivare nuove inaccettabili parole a firma di Guglielmo Mariotto, gay dichiarato ma non per questo incapace di ostentata omofobia. Sostenendo che il ballo same-sex confonderebbe i bambini, ha affermato:

Premetto una cosa, questa settimana è successo qualcosa di particolare. Un bimbo di 5/6 anni mi ha tirato la giacca e mi ha chiesto, molto confuso, preoccupato di questa cosa perché lui non capiva, e io gli ho dovuto fare lo spiegone di certi balli che nascono come celebrazione della coppia uomo/donna che sono la base della società. Mi sono reso conto della responsabilità che abbiamo, perché questo programma entra come acqua potabile in tutte le case, e mi sono sentito un po’ in imbarazzo, in colpa. Possibile che ho creato una confusione ad un bambino, che abbiamo fatto questo ai bambini innocenti, l’innocenza dei bimbi è tutta uguale. Lasciamo stare che possiamo spezzare una lancia in favore dei bambini gay. Mi pento perché ho visto che questo può creare confusione e non è questo che vuole il programma, che è un programma per la famiglia.

Insomma, i gay sarebbero alieni che non hanno famiglie e i bambini hanno il bisogno di vedere uomini che sottomettono le proprie donne.
Fabio Canino ha prontamente replicato: «A parte non credo che esista nessun bambimo che tu hai incontrato, ma come dico sempre i più grandi razzisti nei confronti dei gay sono i gay, e tu sei l’esempio». Sandro Mayer ha poi aggiunto: «Io vorrei dire che penso che da casa i bambini sono con voi, perché i bambini sono molto più avanti di noi, sanno divertirsi senza tanti pregiudizi. La facciamo noi la confusione, non i bambini».
2 commenti