Tom Daley conquista l'oro di coppia ai Commonwealth Games 2018



In coppia con Dan Goodfellow, il tuffatore britannico Tom Daley ha conquistato la sua ennesima medaglia d'oro ai Commonwealth Games 2018, l'evento organizzato ogni quattro anni in cui si sfidano i migliori atleti di Sua Maestà.
Durante la premiazione, Daley ha voluto ricordare come in 37 Paesi del Commonwealth l’omosessualità sia tutt'oggi considerata illegale: «Mi sento così fortunato a poter essere apertamente quello che sono senza preoccupazioni. Spero che un giorno ogni atleta di ogni nazione del Commonwealth possa essere libero di competere apertamente», ha dichiarato.
Chiedendo un impegno contro le discriminazioni, ha aggiunto: «Penso che il Commonwealth possa davvero aiutare alcune delle altre nazioni ad abrogare le loro leggi anti-gay».
Più di un miliardo di persone vivono ancora sotto leggi del Commonwealth che criminalizzano l'omosessualità, retaggio dell'epoca coloniale inglese. E il problema non è risolto neppure in Gran Bretagna, dove il 23enne è stata messo alla berlina dalla stampa di destra dopo aver annunciato di essere in attesa di un bambino. Alcuni tabloid hanno scritto che non era “normale” per due uomini avere un figlio, altri affermavano che la coppia stesse “sfruttando” una donna per avere un bambino. La coppia ha così condiviso i dettagli del loro accordo di maternità surrogata che hanno smentito la maggior parte delle illazioni integraliste.
Lo scorso mese dichiarò: «Abbiamo una donatrice di ovuli e una madre surrogata e ci sentiamo molto fortunati. Io sono in grado di vivere la mia vita senza preoccuparmi di cosa pensa la gente. La gente può dire quello che vuole. Ricevo tonnellate di insulti ogni giorno, ma alla fine della giornata io sono sposato, con un bambino in arrivo e non mi importa di quello che dicono. Non mi importa se a loro non piace. Mi ci è voluto molto tempo per arrivarci, ma io ora sono qui. I tuffi non dono più la mia principale preoccupazione. Il mio bambino è al primo posto e i tuffi al secondo».
1 commento