Trump affida il suo gruppo di studi biblici ad un predicatore anti-gay e anti-donne che bolla il cristianesimo come una «falsa religione»



Dopo oltre un secolo, il presidente statunitense Donald Trump ha riaperto le porte della Casa Bianca ad un gruppo di studi biblici. La guida è stata affidata ad pastore che si dice convinto che l'omosessualità sia «illegittima», che si professa contrario alla predicazione delle donne e che ha definito il cattolicesimo come una «falsa religione».
Dieci membri del gabinetto, tra cui il vicepresidente Mike Pence, il segretario di stato Mike Pompeo e il segretario all'istruzione Betsy DeVos, hanno sponsorizzato il gruppo di studio che si riunisce per 90 minuti ogni mercoledì. La guida è stata per l'appunto affidata al controverso pastore Ralph Drollinger, presidente di un'organizzazione che mira a «evangelizzare i funzionari eletti e guidarli verso la maturità in Cristo» che gestisce insieme alla moglie. Ex giocatore di basket , si dice certo che donne e uomini abbiano «ruoli diversi» e che «c'è una proibizione alla leadership femminile nel matrimonio e leadership femminile nella chiesa, e quelli sono chiari nella Scrittura».
All'inizio dell'anno dichiarò anche che: «L'omosessualità e le cerimonie dello stesso sesso sono illegittime agli occhi di Dio. La sua parola è ripetitiva, chiara e puntuale sull'argomento». In uno studio biblico inviato al Campidoglio nel 2013, dichiarò anche: «Non solo l'omosessualità e il matrimonio omosessuale sono stati annullati da Dio nella Sua Parola, ma anche la biologia punisce l'omosessualità e il matrimonio omosessuale: il risultato finale è il interruzione della specie poiché gli omosessuali non possono procreare. Di certo non si può essere omosessuali e evoluzionisti allo stesso tempo».
Nel 2004 venne criticato per aver dichiarato che il cattolicesimo «è una delle false religioni primarie del mondo».
2 commenti