#GF15. Il camerata Favoloso e lo slogan delle Wehrmacht



Il Grande Fratello non si sta limitando ad insegnare ai ragazzi che il bullismo premia e che fare branco è conveniente, la popolare trasmissione televisiva sta anche lavorando per sdoganare l'ultra-destra attraverso la promozione di un camerata candidato con CasaPound. Al momento del suo ingresso nella casa, il Corriere della Sera lo descriveva così:

Fra i concorrenti del Grande Fratello 15 c’è anche Luigi Mario Favoloso, fidanzato di Nina Moric, più giovane di lei di 11 anni. Trent’anni, originario di Torre del Greco (Na), Luigi vive a Milano, è diplomato in ragioneria ed è esperto di digital: proprietario di un’agenzia di comunicazione e di una ditta di import/export di tessuti, alle ultime elezioni è stato candidato con CasaPound a Palermo. È lui uno dei due protagonisti emergenti di questa edizione.

La fotografia scelta dal quotidiano milanese era questa:



Sul braccio sinistro, all'altezza del gomito, è chiaramente visibile il tatuaggio con la scritta "Gott mit uns". Si tratta del motto che compariva sulle fibbie dei cinturoni della Wehrmacht, le forze armate della Germania nazista:



Prima del suo ingresso nella casa, il camerata ha coperto la scritta con un tatuaggio raffigurante la bandiera Siria, tristemente noto per il suo regime sanguinario.

Il gioco del Grande Fratello appare semplice: si ripulisce l'aimmagine del camerata, lo si salva con il televoto e ai giovani si insegna che il nazismo può essere considera una "opinione" che può essere espressa su Canale 5. D'altra parte è improbabile che gli autori del programma non avessero notato quel tatuaggio o che non sapessero per quale partito era candidato, di fatto accettando di farsi promotori di uno sdoganamento dell'ultra-destra.

Tra gli altri messaggi veicolati dal programma, c'è il loro spiegare ai ragazzi che un'aggressione alle donne garantisce ospitate a Domenica Live e Pomeriggio 5, così come l'aizzare un branco e macchiarsi di bullismo contro una vittima comune viene premiato al televoto.
1 commento