25 giugno 1998, la bandiera arcobaleno compie quarant'anni



Oggi universalmente riconosciuta come simbolo dei diritti lgbt, la bandiera rainbow garrì per per la prima volta nella famosissima marcia del Gay Pride di san Francisco del 25 giugno 1978.
In origine la bandiera aveva otto colori, invece degli attuali sei. Il suo ideatore, Gilbert Baker, tolse quasi subito la striscia rosa perché all'epoca era difficile reperire stoffa di quel colore. Nel 1979 venne poi tolta la banda turchese al fine di dare simmetria alla bandiera.

Baker assegnò un significato specifico ad ognuno dei colori:


Sessualità

Vita

Salute

Luce del sole

Natura

Magia/arte

Serenità

Spirito

Nel 1989, la bandiera arcobaleno fu al centro dell'attenzione della cronaca statunitense dopo che John Stout vince una causa contro i suoi padroni di casa che gli avevano proibito di mostrare la bandiera dal balcone del suo appartamento di West Hollywood. Nel giugno 2015, il Museum of Modern Art (MOMA) di New York ha acquistato la bandiera originale ad otto colori per esporla nella galleria di design contemporaneo.

Nonostante la somiglianza con la bandiera della pace, la bandiera arcobaleno si differenzia anche per la disposizione dei colori (che è speculare) e perché la bandiera della pace prevede sette strisce di colore al posto delle sei di quella lgbt (nella quale è oggi assente la striscia turchese).
Commenti