Viareggio imbrattata con scritte omofobe: «W Salvini. Al rogo gay, rumeni, negri e rom»



Nella notte strade di Viareggio sono state imbrattate con frasi omofobe e xenofobe affiancate da una svastica.
Quasi a voler sottolineare il clima d'odio incoraggiato da una certa parte politica, sui muri sono state scritte frasi come: «Al rogo i gay e i negri» o «W Salvini. Al rogo gay, rumeni, negri e rom».
Parole inqualificabili, prontamente condannate dal sindaco Giorgio Del Ghinigaro: «Questa Amministrazione condanna fermamente ogni tipo di istigazione al razzismo: l’atto vandalico di cui è stata oggetto la zona della vecchia stazione è frutto di toni e di modi che ormai in Italia sono sdoganati: soggetti che non temono di fomentare l’odio sociale, perché in quell’odio prosperano. Bisognerà rendere conto al Paese, alle nuove generazioni, del razzismo ritrovato, dei toni fascisti, dei simboli l’Italia credeva archiviati decenni fa. Viareggio non è questa: Viareggio è accogliente e inclusiva. Un atto che crediamo frutto di ottusa stupidità, da qualsiasi parte provenga, che per questo non intimidisce, e che verrà perseguito in ogni forma e sede».

Immagini: [1] [2]
3 commenti