I lettori de Il Giornale: «Accogliere omosessuali nel seno della Chiesa è evidentemente parte del piano di sostituzione etnica»



Secondo gli altri quotidiani, i fedeli non avrebbero avuto assolutamente nulla da ridire contro quella scultura e a far montare una sterile polemica sarebbero stati i soliti gruppi integralisti che operano su Facebook. Eppure Il Giornale preferisce titolare "Scultura con bacio gay in chiesa rimossa dopo le proteste dei fedeli".
Se l'opera rappresentava l'amore nella sua essenza, l'articolo preferisce definirla come una «statua contemporanea di un bacio omosessuale». E se il lettore non fosse stato sufficientemente spronato all'omofobia, sentenziano che la si debba ritenere «un'espressione artistica libera ma che forse non a tutti piace ammirare all'interno di una chiesa. Così, dopo le proteste di alcuni fedeli e di visitatori che se ne sono sentiti offesi, è arrivata la decisione di trasferirla in giardino».
In altre parole, si cerca di sostenere che non si possa essere "cristiani" se non si è omofobi, raccontando che sia lecito dirsi «offesi» dall'esistenza del prossimo. A detta loor, la Chiesa dovrebbe effettuare una selezione all'ingresso e, contro le stesse indicazioni di Gesù, dovrebbe cacciare i pubblicani per compiacere i pregiudizi dei farisei. Il gay va messo alla porta, esattamente com'è successo a quella statua che osava distaccarsi dal pensiero unico del fondamentalismo.

Come consuetudine, è tra i commenti che assistiamo ad un vero e proprio delirio di persone che si danno ragione a vicenda nel sostenere che la Chiesa non debba essere accogliente. Loro vogliono una religione utile solo a lanciare condanne contro gli altri, adattabile ad ogni forma d'odio, purché li lasci in pace quando andranno con quelle prostitute che Matteo Salvini ha promesso diverranno legali.  D'altra parte la Lega è stata chiara: usare una donna come un oggetto va bene, amare qualcuno del proprio sesso è un'offesa ad un Dio che imporranno mediante multe di mille euro a chi non esporrà crocefissi ad ode di chi si compiace delle vite perse nel Mediterraneo.

Ad aizzarli è soprattutto il passaggio in cui l'articolo afferma:

Una scelta avallata dal parroco don Hermes Luppi, che però tiene a chiarire che lui personalmente non aveva nulla in contrario alla presenza in chiesa di quell'opera d'arte: "Per me quella scultura poteva rimanere dov'era, il Vangelo ci indica una strada di accoglienza e di tolleranza. Del resto con me non si era lamentato proprio nessuno".
Più cauto il presidente della rassegna artistica "Cibart", che ha luogo proprio nel Comune di Serravezza: "Forse abbiamo preso una decisione azzardata nel mettere quell'opera dentro la chiesa - conclude il presidente di Cibart - e proprio per evitare di alimentare un caso abbiamo poi deciso di metterla fuori".

Davanti alla dimostrazione di come l'odio venga assecondato e di come sia possibile mettere alla porta intere vite al solo fine di compiacere i propri pregiudizi, tra i commenti scrivono:
  • Ho la sensazione che questi preti siano arrivati alla pura follia. Su ogni cosa che suscita scalpore nei benpensanti che ancora restano a frequentare le funzioni,mettono avanti il Vangelo,dove c'è di tutto e di più. A parte il fatto che dei Vangeli hanno scelto quelli che più gli aggrada,essendocene una moltitudine. Quante cose dice il Vangelo? Una utopia di vita,che magari si potesse realizzare. Dice anche di Sodoma e Gomorra la Sacra Bibbia,dimenticata dai preti.E' perché è molto più comodo citare il Vangelo e Gesù e mandare in pensione il Padre Eterno.
  • Parroco cerchiobottista. insieme alla scultura mettetelo fuori anche lui e per castigo fategli leggere cosa successe a Sodoma che lui non se lo ricorda bene.
  • parroco pamperista
  • S. Madre Chiesa in versione progressista. Dopo la sostituzione etnica poteva forse mancare la sostituzione dei fedeli etero con quelli omosex?
  • Questo prete confonde l'accoglienza e la tolleranza con l'accoglienza in una casa di tolleranza.
  • Quello che da veramente fastidio è che se qualcuno avesse messo in chiesa una scultura di un bacio tra un uomo e una donna, i pretonzoli l'avrebbero fatta sparire scandalizzati. Sarebbe il caso di provare.
  • Invito il parroco alla lettura del grande San Pier Damiani, santo con le idee chiare, che oggi, come allora può essere d'utilità alla Chiesa ed alla salvezza delle anime: Liber Gomorrhianus (contro la sodomia, soprattutto nel clero, scritto nella seconda metà del 1049, dopo il concilio di Reims)
  • Lasciate perdere certe notizie la CHIESA CATTOLICA di BERGOGLIO finalmente è nella fase finale di autodistruzione, e notate insieme ci sono anche i COMPAGNI DEL PD con cui il VATICANO a voluto condividere il DISFACIMENTO.
  • Con la storia dell'accoglienza e tolleranza noi Cattolici la stiamo pagando con il sangue delle persecuzioni, interpretano il Vangelo a modo loro perche occorre discernimento nell'accogliere e nel tollerare.
  • Bergoglio è agli ordini dei Rothschild (mettere bergoglio rothschild su google) e sta implementanto il piano di riforma della Chiesa "cattolica" voluto dai bankster per eccellenza. Accogliere omosessuali nel seno della Chiesa è evidentemente parte del piano di sostituzione etnica. Hanno ben fatto i fedeli di questa parrocchia a scandalizzarsi e a chiedere la rimozione di questo abominio.
  • "..il Vangelo ci indica una strada di accoglienza e di tolleranza...": ma che cavolo c'entra il Vangelo con un bacio omosessuale. Questi preti vanno sempre peggio, dalla pedofilia ai baci omosessuali.... non se ne può più. E Bergoglio che fa, oltre a promuovere l'arrivo degli islamici?

Tanto basta a trarre le prime conclusioni. L'insulto è ormai parte del loro linguaggio, utilissimo per evitare di dover fornire serie argomentazioni. Dio serve ad elargire condanne, così come la loro ossessione per i migranti li spinge a odiare Bergoglio e a sostenere che i gay ne siano causa.
Pare ignorino che l'omosessualità sia nata prima di loro o che le chiese sono piene di baci (com'è ovvio dato che Gesù predicava l'amore nonostante loro vorrebbero poterlo usare per legittimare l'odio). Un esempio sono quelli che Michelangelo ha raffigurato nel suo Giudizio Universale nella Cappella Sistina, ossia nel luogo più sacro della cristianità (nella foto di apertura).

Si riparte con quelli del "i migranti ospitali a casa tua" o del "in una moschea non lo si sarebbe potuto fare":
  • la dottrina Bergoglio ! Avanti cosi' e la chiesa altri fedeli. in nome dei no muri, ma ponti, dovrebbero portare la scultura in una qualche moschra :-)
  • Giustamente come dice lisanna...la “scultura” in una qualche moschea...altrimenti dov’è la reciprocità...swag...maglietta rossa
  • Che poi un bacio esposto in chiesa non ci sta bene anche se fosse stato fatto fra eterosessuali figuriamoci un bacio omosessuale che mi fa lo stesso effetto di quando un film serio passa alla scena di sesso: schifo.
  • Speriamo che il prossimo Papa sia uno che si ispiri alla dottrina classica e dia una ripulita. Non ci si può lamentare del calo delle presenze nelle funzioni religiose ed avallare certi comportamenti dei parroci New Age.
  • Certamente questo è un fatto molto grave in un luogo di culto, è un sacrilegio.
  • Parroco ignorante
  • L'accoglienza senza limiti è la MADRE di tutti i disastri. Con l'accoglienza diffusa si sono sparpagliati in Italia, senza cautele, individui anche con gravi malattie. Nel Polesine, terra di fiumi, canali e paludi (del Po), regno delle zanzare locali, Culex ed Anopheles, cui si è aggiunta la Tigre. Ed ora si sta diffondendo "a macchia d'olio" la Febbre del Nilo, in qualche caso con complicanze mortali (encefaliti), già endemica in otto comuni...(notizia di oggi dalla "Voce di Rovigo".
  • Non è scandalo perché in chiesa. Il linguaimbocca fra uomini fa voltastomaco a molti. Ognuno ha i suoi diritti. Gli omosessuali quello di baciarsi. I cittadini normali quello di non farsi rivoltare lo stomaco. La soluzione è: Omosex facciano quel che vogliono senza ostentarlo.
  • ....il Vangelo ci indica una strada di accoglienza...nel lato B... Evviva !!!
  • Il parroco don Hermes Luppi forse razzola bene, ma di certo predica male: e' vero che il vangelo sostiene la tolleranza, ma solo dopo il riconoscimento del peccato e il pentimento. Se pensa che la dottrina cattolica non ritenga l'omosessualita' un peccato dovrebbe riflettere di piu', altrimenti va a finire che predica di tollerare anche Satana. Insomma, e' vero che siamo tutti peccatori, ma abbiamo (parlo a nome dei cristiani) 10 comandamenti e dobbiamo avere il senso del peccato.
  • Possono sempre portarla in una moschea, la sono tolleranti.....
  • Pseudopreti sempre più fuori di testa. In chiesa non accetterei un bacio come quello nemmeno tra uomo e donna. L’”opera d’arte “ in questione mi disgusta.
  • "Ammirare"?! Roba simile non dovrebbe stare in nessun luogo pubblico, ne' in chiesa, ne' altrove.
  • Un esempio delle tante lordure del relativismo etico e morale imperante.
  • Il prete era d'accordo? Il vescovo lo sapeva? Era d'accordo anche lui? Don ciccio l'argentino lo sapeva? Di tratta di semplice domande non altro. non penso che nessuno ha protestato con questo parroco poiche' c'e' stata una mezza rivoluzione o rivolta. Come mai Luxuria non e' intervenuta? Mi pare che molti suoi amici hanno detto che sono contrari a manifestazioni che coinvolgono chiese, in quanto la chiesa non deve essere toccata sostenuta anche da cattolici.
  • Opera d'arte? Quella schifezza? E cosa c'entra in una chiesa? Opera d'arte sarebbe cacciare via a calci dalle nostre chiese preti e monsignori come questo qui! Farabutto!
  • E' rimasto poco di cristiano nella Chiesa modernista di papa Bergoglio. Relativismo e nichilismo hanno preso il sopravvento. E Cristo? Come Che Guevara, Mao, Fidel....
  • Preti sciagurati e contro natura!
  • Per il parroco andava addirittura bene. C'è "un pò" di confusione nella Chiesa, specie col pontificato di Bergoglio.
  • Ai cristiani sembra di ricordare anche di una certa distruzione di Sodoma e Gomorra, due città distrutte a causa della dissolutezza e non certo per l'integrità di vita dei loro abitanti, o sbaglio?

Sbaglia! La Bibbia chiarisce che la distruzione di Sodoma e Gomorra era una condanna alla mancanza di accoglienza verso gli stranieri. Praticamente verso i lettori de Il Giornale dato ciò che scrivono.

  • Se ben ricordo Bergoglio,il Papa, rispose "chi sono io per giudicare", quando gli chiesero delucidazioni in merito alla omosessualità. Ora ci preoccupiamo di questo parroco, che in realtà NON ha letto bene il Vangelo,né gli scritti di San Paolo (cfr la Lettera ai Romani - e non solo).
  • Il presidente della rassegna artistica riconosce lo sbaglio, per il prete invece è tutto normale. Pazzesco!!!
  • La chiesa non è un luogo qualsiasi ma un luogo simbolico. L'altare, in particolare, rappresenta Cristo e, a maggior ragione, non dovrebbe avere oggetti su di esso (non essendo supporto per piante e tanto meno per opere più o meno artistiche). Se poi, oltre a perdere di vista questo, si crede, come in diverso mondo cattolico, che l'amore umano rimanda a quello divino, il passo per mettere il bacio tra due uomini su un altare è brevissimo. In realtà l'amore divino, proprio perché tale, non è paragonabile a quello umano, nonostante molta teologia latina (non quella bizantina!) abbia inclinato il piano in questa direzione. Oggi, dopo un cammino plurisecolare in cui si è lentamente trasformato il Cristianesimo in umanesimo, si raccolgono i frutti, per cui non è più un "caso" che il clero si dimostri entusiasta di tutto quanto un tempo avrebbe fatto fremere d'indignazione pure il più ignorante prete del più piccolo villaggio...

Immagini: [1] [2]
2 commenti