Madre uccide il figlio di 10 anni perché bisex, ma per i lettori de Il Giornale è «una notizia inventata dai satanisti»



Anche Il Giornale ha dato notizia della madre californiana che, con l'aiuto del compagno, ha torturato e ucciso il figlio di dieci anni solo perché lui le aveva detto che gli piacevano sia i maschi che le femmine.
Indipendentemente dalle solite imprecisioni linguistiche di un quotidiano per cui l'omosessualità andrebbe «confessata» o un bisessuale diventa «gay», l'articolo spiega che «la donna ha tolto la vita al fanciullo con l’aiuto del fidanzato, dopo averlo anche torturato, togliendogli il cibo e picchiandolo ripetutamente. Sul cadavere del pargolo, morto in ospedale, sono state trovate bruciature di sigarette, oltre a numerose ecchimosi sparse dovute a cinghiate e alle botte».
Facendo poi leva sul concetto di morte che tanto piace alle destre, l'articolo si chiude asserendo: «la madre rischia ora fino a 22 anni di carcere, mentre il compagno 32. Questo perché in California la pena di morte è stata abolita nel 2016».

Tanto basta per osservare l'ipocrisia di un quotidiano che inneggia allo sterminio degli omofobia anche se in più occasioni si è mostrato capace di incoraggiarla o persino di promuovere persino fantomatiche "terapie riparative" dell'omosessualità al punto da raccogliere commenti come questi:



Siamo dunque dinnanzi a personaggi che citano Povia e la signora De Mari quale "prova" del perché l'Oms sbaglierebbe a non "curare" i gay dato che alle destre piace sostenere che la diversità debba automaticamente essere aggredita e distrutta. E date le premesse, forse non c'è da stupirsi se dinnanzi ad una notizia che parla degli effetti devastanti dell'omofobia c'è hi ricorre al più becero negazionismo:

3 commenti