Onda Pride, cortei in rosso a Bologna, Alba e Cagliari contro l'emorragia di umanità



È il weekend numero sette per l'Onda Pride, la grande mobilitazione dell’orgoglio arcobaleno. L'Onda arcobaleno si tingerà di rosso, per aderire all'appello promosso da Libera, Arci, Anpi e Legambiente contro le politiche razziste di immigrazione del nostro Paese.
«L'Onda Pride -spiega Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay- in questo weekend in particolare, sottolinea il suo essere luogo di alleanze. La battaglia per i diritti, che quest'anno portiamo nelle strade e nelle piazze con 28 cortei, è una battaglia che non lascia indietro nessuno: per questo rilanciamo l'invito a portare indumenti rossi in manifestazione, per accendere i riflettori su quella che Don Ciotti ha definito l'emorragia di umanità che è in corso nel nostro Paese. Vestiremo di rosso per metterci nei panni di chi attraversa il mare in cerca di accoglienza, per gridare che quell'accoglienza è un diritto per loro e un dovere per noi»
Sono tre le città che scenderanno in piazza: appuntamento alle 15 ai Giardini Margherita con il Bologna Pride, che partirà poi alle 16,30 per conquistare le Torri e rientrare ai Giardini Margherita. Concentramento fissato invece alle 16,30 in piazza Garibaldi per l'Alba Pride: la parata si muoverà alle 17,30 e alle 18,30 raggiungerà piazzale Beausoleil. Infine, appuntamento alle 18 in via Sant'Alenixedda a Cagliari con il Sardegna Pride, che ha fissato il suo approdo in Largo Carlo Felice. Info su www.ondapride.it.
Commenti