Processione di preghiera contro i gay. Per la stampa, la presenza di Forza Nuova sarebbe «pioggia di adesioni»



Secondo quanto sostiene Altarimini.it, si sarebbe registrata una «pioggia di adesioni alla processione per 'riparare lo scandalo Gay Pride' di sabato 28 a Rimini».
Se basterebbe guardare le immagini per osservare come alla blasfema carnevalata fossero presenti quattro gatti che, osserviamo come la propaganda possa tentare di creare verità alternative mediante informazioni che si scontrano con la verità dei fatti.

L'articolo esordisce sostenendo che i fondamentalisti cattolici debbano essere intesi come rappresentanti dell'intera cristianità, persino quando è il vescovo a condannare simili pagliacciate:

Il 28 luglio prossimo, a Rimini, sfilerà il Gay Pride. Come già è accaduto l'anno scorso laici cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli hanno indetto una processione e un rosario di riparazione, che si svolgeranno sabato 28 con partenza alle 10.30, in piazza Mazzini.
Il 'Rimini Summer Pride', si legge sulla sua pagina Facebook, "ancora una volta, oltraggerà Dio, la Fede di noi cattolici ma anche il buon gusto, la civiltà e, soprattutto, l'innocenza dei piccoli. Il comitato 'Beata Giovanna Scopelli', come nel 2017, non potrà tacere davanti a tale scempio e, ancora più forti, abbiamo il dovere di scendere per le vie e nelle piazze per riparare al grave scandalo e ad un pubblico peccato contro natura che grida vendetta al cospetto di Dio".

Si apprende poi che la «pioggia di adesioni» sarebbe l'appoggio giunto dai neofascisti:

Anche Forza Nuova annuncia la partecipazione alla processione. "Mi dispiace per gli organizzatori se pensavano che non saremmo intervenuti rovinandogli gli ultimi preparativi, ma potevano immaginare che non saremmo rimasti inermi a guardare l'ennesima grottesca carnevalata della depravazione che avrà luogo sul lungomare sabato pomeriggio - dichiara in una nota Desideria Raggi, responsabile nazionale dell'associazione Evita Peron. - Come l'anno scorso parteciperemo alla processione di Riparazione che si svolgerà nella mattinata di sabato: la famiglia è una sola, quella naturale, tutto il resto è frutto di allucinanti farneticazioni prodotte da menti deviate".

Si passa così a dar credito a sedicenti associazioni che paiono espressione dell'ultradestra di Riscossa Cristiana.

All'appello dell'associazione "Beata Scopelli" ha aderito anche l'associazione San Michele Arcangelo: "La diffusione dell'ideologia omosessualista perfino appoggiata da istituzioni civili, l'ostentazione orgogliosa del peccato contro natura, la propaganda Lgbt che si insinua rovinosamente all'interno delle scuole minacciando la purezza dei bambini si associano purtroppo alla rivendicazione di presunti «diritti» che non discendono dalla legge naturale «iscritta e scolpita nell'anima di tutti i singoli uomini» (Catechismo della Chiesa Cattolica, 1954; Leone XIII, Lett. enc. «Libertas praestantissimum») ma dalla nefasta persuasione sull'umanità del «drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra» (Ap 12,9).

Naturalmente l'articolo non offre spazio ad opinioni contrarie, quasi fosse accettabile pubblicare simili insulti senza neppure sentirsi in divere di prenderne le distanze. Il tutto da parte di una «testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 19/18-09-08».
Commenti