Sospeso il teorico del "gender": abusava sessualmente dei gay che si rivolgevano a lui per "curare" la loro omosessualità



Don Tony Anatrella è stato sospeso da ogni incarico pastorale dopo essere stato sottoposto a processo canonico per abusi sessuali sulle persone che diceva di voler «guarire dall'omosessualità» attraverso «una terapia del corpo». Un pratica che sarebbe consistita in una masturbazione reciproca
Tra i massimi esponenti della Manif pour tous francese, sosteneva che l'omosessualità fosse una malattia curabile e spergiurava l'esistenza di una fantomatica “teoria del gender” che amava paragonare  ai totalitarismi del Novecento. Fu lui a convincere Benedetto XVI a sconsigliare l'ordinamento di preti omosessuali e il suo libro intitolato "La teoria del gender e l'origine dell'omosessualità" è stato pubblicato in Italia dalle edizioni San Paolo con tanto di prefazione del cardinale Angelo Scola.
Le prima accuse contro il sacerdote arricarono nel lontano 2001 da parte di un ex-seminarista che si era rivolto a lui nel 1987 per “curare” la sua omosessualità. Accuse simili arrivarono anche nel 2006, ma la Chiesa fece finta di nulla dato che nessuna denuncia pareva provenire da minorenni. Solo dieci anni dopo e solo grazie a lettere recapitate ad organi di stampa, la Santa Sede decise di aprire un'indagine che ha portato ad appurarne le responsabilità.
3 commenti