Aggressione omofoba in Belgio ai danni di un fumettista italiano



Sono stati attaccati con una spranga di ferro dai loro vicini di casa, semplicemente perché gay. È quanto denuncia Mauro Padovani, un fumettista italiano che da tempo risiede in Belgio insieme al marito.
«Com’è possibile che succeda una cosa del genere in una bella città come Gand? Amo questa città, ma ora non mi sento più al sicuro -ha raccontato Padovani- Il Belgio è un paese gay friendly. Qui abbiamo avuto la possibilità di sposarci ed è una cosa stupenda [...] Ma la polizia dovrebbe proteggerci. Quando vengono picchiati anche gli omosessuali perdono sangue, proprio come tutti gli altri».
I due hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere, riportando danni al cranio e ad alcune vertebre.
1 commento