Il 15% degli adolescenti statunitensi è lgbt



Un americano su sette con meno di 35 anni si identifica come membro della comunità LGBT. La più alta è la proporzione tra i latino-americani. è quanto rileva un recente sondaggio organizzato dall'Università di Chicago.
I dati rilevano che sempre meno giovani si identificano come cisgender ed eterosessuali, con un 14% dell'attuale generazione di giovani tra i 18 e i 34 anni che si identifica come lesbica, gay, bisessuale o transessuale.
Nell'indagine è stata prestata particolare attenzione alle differenze nei diversi gruppi etnici, scoprendo come i giovani latinoamericani e latini si identifichino come persone lgbt nel 22% dei casi. Le statistiche scendono al 14% tra gli afroamericani, al 13% tra i caucasici e solo il 9% tra gli asiatici.

Secondo i risultati, molti dei giovani intervistati erano consapevoli della presenza di discriminazioni nei confronti delle persone lgbt negli Stati Uniti: tra i latini il 45% degli intervistati considera che il livello di discriminazione sia «molto alto». Condivide quell'opinione il 40% degli afroamericani, ma solo il 29% dei caucasici e 23% degli asiatici-americani. La discriminazione nei confronti delle persone trans è considerata molto maggiore a quella contro i gay e le lesbiche.
2 commenti