L'appello dei sindaci antifascisti a Salvini: «Sgomberi la sede abusiva di Casapound»



Il palazzo è di proprietà statale ma dal 2003 risulta occupato senza titolo dai camerata di Casapound che ne avevano fatto la loro sede. In più di quattordici anni non c'è stato nemmeno un tentativo di sgombero. All'Espresso risulta anche che nel palazzo occupato fossero residenti i vertici nazionali dell'organizzazione di estrema destra, dal leader Simone Di Stefano che lo indicò come residenza anagrafica nel 2013, alla moglie del presidente Gianluca Iannone, una imprenditrice della ristorazione che alla Camera di Commercio nel 2014 aveva dichiarato quello stesso domicilio. E poi altri volti noti dell'estremismo di destra romano. Tutti abusivi.

Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore del movimento di sindaci antifascisti ha deciso di scrivere a Matteo Salvini, da sempre attento a spuanare con la sua ruspa le case degli abusivi, per chiedere lo sgombero:

Come sindaco io voglio essere tranquillo che il ministro dell'Interno intenda far rispettare la legge ovunque questa venga infranta senza andare a colpire qua e là. Per questo motivo ho inviato questa lettera e mi aspetto una risposta forte e decisa come quelle date finora sui migranti o sui campi rom. Sono certo che Salvini farà rispettare la legge anche ai neofascisti di Casapound.
L'illegalità non ha colore di pelle o nazionalità -aggiunge il sindaco di Cerveteri- esattamente come i bisogni delle persone. Se uno stabile è occupato illegalmente occorre verificare le condizioni di quelle persone, censirle e, laddove ne abbiano diritto, offrire loro delle soluzioni alloggiative alternative. Ci risulta però che in quell'immobile vivano anche amici e parenti dei leader di partito. Una cosa inaccettabile". E conclude: "Sarebbe un bel segnale di legalità se il ministro Salvini venisse a via Napoleone III, magari indossando le felpe con gli slogan di Casapound, e spiegasse a queste persone che quel palazzo è del Demanio dello Stato e non può essere occupato e trasformato in sede politica. Lo farà o proseguirà ad inseguire gli immigrati che arrivano sui barconi?
1 commento