L'ira di Salvini contro i cittadini che criticano i suoi selfie ai funerali di stato: «Cretini, siete dei poveretti»



Chi non acclama il "generale" Salvini è un cretino. Parola di Matteo Salvini.
L'uomo sta sta disumanizzando l'Italia non tollera il dissenso e se qualcuno osa sostenere sia fuoriluogo scattarsi dei selfie a dei funerali di stato per le vittime della strage del ponte Morandi, la sua ora viene esternata con i consueti insulti che è solito vomitare contro quell'83% del popolo italiano che non l'ha votato.
«C’è un rapper cretino che fa polemica -dice il ministro- perché dice che con alcune persone ho fatto una foto quando oggi ero a Genova. Questa è l’estate in cui l'opposizione la fanno i rapper ed i cantanti. Sono orgoglioso di tutti gli abbracci che ho ricevuto anche oggi a Genova e a questi poveretti non rispondo neanche».
Il riferimento è a Frankie hi-nrg mc, il quale aveva pubblicato le fotografie di Matteo Salvini che si scattava selfie con i militanti che si erano recati ai funerali per acclamarlo e fischiare il Pd, quasi fosse colpa della sinistra se nella Liguria leghista non si facevano i controlli. D'altra parte per Salvini è sempre colpa di qualcun altro: è colpa dei migranti, è colpa del Pd, è colpa dei gay, è colpa di Saviano...
Nei giorni scorsi Salvini era già stato criticato per i selfie che lo mostravano mangiare, bere e divertirsi ad una festa della Lega la sera stessa della tragedia di Genova.
Di certo, la strategia decisa dal suo ufficio della propaganda pare comunque essere quella di tentare di alimentare tensioni sociali che portino l'Italia a vivere in un costante clima di propaganda elettorale contro l'opposizione e contro ogni singolo dissidente. E come dimostrano i casi Boldrini e Saviano, gli squadristi leghisti amano prendere di mira chiunque finisca nel libretto nero del "comandante" (così come l'ufficio di propaganda salviniano esige venga chiamato).
6 commenti