Mentre Salvini aizza l'odio sociale, il consigliere di Casapound minaccia la Boschi. Non è più politica, è odio



Dopo lo sdoganamento del neofascismo e l'introduzione dell'insulto gratuito come mezzo di propaganda, la politica italiana sta raggiungendo livelli di inaccettabile barbarie.
Andrea Bonazza, consigliere comunale per Casapound a Bolzano, pare inneggiare allo stupro nello scrivere su Facebook:



Non pare andare meglio con i ministri. Ad Arcore, durante la festa della Lega, in strada è passata un’ambulanza a sirene spiegate che correva verso l'ospedale. Probabilmente era un codice rosso, con in passeggero in rischio di vita. Matteo Salvini, in qualità di ministro degli Interni che governa l'Italia nonostante l'83% degli italiani non lo abbia votato, ha interrotto il suo discorso per dire: «Sarà il solito rosicone di sinistra che non ha digerito».
Un uomo rischiava la vita e lui era lì a deriderlo, aizzando l'odio e fomentando tensioni sociali. La sua intera attività pare ormai basata sul coniare offese gratuite verso chi osa ha opinioni diverse dalle sue. Sempre insulti, sempre odio, sempre una dialettica contro qualcuno e mai per qualcosa.

E se le istituzioni si esprimono così, forse non c'è da stupirsi che la "risorsa salviniana" che rilancia le parole del Papa voglia mettersi bruciare le persone di colore, soprattutto se donne e bambini. Tanto Salvini dice che il razzismo non esiste...

2 commenti