Niente casa perché gay. È accaduto nel leccese



Avevano già firmato le pratiche , avevano versato la caparra e quella sarebbe dovuta diventare casa loro. Ma al termine dell'iter burocratico, l'agente immobiliare li ha richiamati per dirgli che l'accordo era saltato dato che «il proprietario preferisce affittare l’appartamento alle famiglie».
Ovviamente per «famiglia» pare venga intesa la ridefinizione ideologica promossa dal ministro Fontana in cui le famiglie sarebbero tali sono se conformi all'ideologia della padana virilità ostentata da un Salvini che parla di «famiglia tradizionale» mentre si non si contano più le compagne che sono passate nel suo letto e dopo che tutti i suoi figli sono nati anche da donne che non erano la sua attuale moglie.
È accaduto nel comune di Casarano, in provincia di Lecce.
3 commenti