Racconta il suo coming out in famiglia, riceve insulti in rete: «Orgoglioso per aver detto alla tua famiglia che sei un finocchio?»



Un ragazzo racconta sui social il suo coming out in famiglia ed un utente, seguace di Belpietro e de Il Giornale, risulta capace di scrivergli questo:



Interessante è come l'esempio smonti le teorie della lobby omofoba giudata da Massimo Gandolfini, impegnata a sostenere che l'eterosensualità basterebbe a rendere dei buoni genitori e che la scuola non debba assolutamente poter garantire protezione dai pregiudizi di quelli che loro sostengono debbano essere ritenuti i padroni dei bambini.
Di certo ci vorrebbe molto coraggio a sostenere che sia preferibile far adottare un bambino ad un personaggio simile piuttosto che ad una coppia gay che probabilmente risulterà più tollerante verso qualunque natura avranno i loro figli.

Citando la stampa neofascista, il soggetto in questione augura anche la morte a chiunque osi avere opinioni diverse dalle sue:



Ed ancora, dice di voler ammazzare i familiari di Renzi, sostiene si sarebbe dovuto uccidere Prodi ed elogia entusiasticamente la capotreno che dirama messaggi razzisti dietro strenua difesa di Salvini. Da prassi, giura che il suo odio per la vita sarebbe «ciò che pensano tutti» mentre ai dissidenti bisognerebbe «sparare alle spalle»:


3 commenti