Se il ministro degli interni viola la legge per scopi propagandistici...



Presumibilmente a soli fini propagandistici, il governo ha bloccato nel porto di Catania 177 migranti e richiedenti asilo. Peccato che la Costituzione non ammetta alcuna «restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziaria».
La Magistratura avrebbe già avviato indagini sull'ipotesi di trattamento illecito dei 177 migranti, se non addirittura di sequestro di persona.
Resta la gravità di un governo che pensa di poter calpestare le leggi, con un ministro degli Interni che ogni giorno assomiglia sempre più ad un bulletto di periferia. E se è vero che ogni regime non ama le regole come ben sa quel Salvini che idolatra Putin, è altrettanto vero che il messaggio veicolato è che i diritti sono opinabili e che ogni singolo bullo debba sentirsi legittimato a sopraffate chiunque voglia.
Altrettanto surreale è come la cronaca ci dica che Salvini ha ordinato il fermo, Salvini ha deciso che i bambini potevano scendere, che Salvini non vuole i richiedenti asilo... insomma, non esisterebbe alcun governo ma un uomo che deciderebbe della vita altrui sulla base del suo tiramento e del suo tirnaconto manco fosse il duce.
7 commenti