Il Giornale e quel linguaggio sempre più violento e volgare contro l'Europa



L'ascia sbigottiti come Il Giornale stia promuovendo un linguaggio sempre più violento e volgare, il cui l'insulto diviene un mezzo per sopperire alle idee. È dalla penna di Andrea Pasini che giunge un articolo surreale intitolato "I Bastardi anti-italiani che ci vogliono rovinare con lo spread non ce la faranno".
Emulando quell'abitudine dei fondamentalisti di sostenere che la loro opinione debba essere ritenuta una «verità» incontrastabile, si sostiene che l'Unione Europea temerebbe il successo di Matteo Salvini e lui non vuole che quei cattivoni gli impediscano di indebitare le nuove generazioni per regalare soldi agli evasori fiscali che per anni non hanno pagato le tasse:

Volete sapere la verità? L’Unione Europea teme il successo della manovra finanziaria del governo Giallo-Verde il governo del cambiamento. È da qualche anno che abbiamo imparato la parola spread ed ora ci angoscia e non ci fa dormire più sonni tranquilli. Si proprio lui: lo spread ovvero il differenziale tra gli omologhi titoli decennali a tasso fisso tedeschi e italiani. 

Sempre esaltando il suo "comandante", l'articolo si lancia nel proclamare le parole del Vangelo secondo Salvini, giurando che lui sia espressione della «verità»:

Matteo Salvini ha detto pochi giorni fa una grandissima verità: che i commissari europei sono dei burocrati non eletti e in quanto tali dovrebbero moderare i termini, visto e considerato che parlano dall’alto di una carica di un certo prestigio. Non si sono mai sentite esternazioni del genere prima d’ora. A voler pensare male, sarebbe ipotizzabile che gli stessi commissari, che già hanno le valige pronte perché a maggio andranno via, ora abbiamo bisogno di trovare successive collocazioni. C’è sicuramente qualcuno che vuole penalizzerà la nostra economia per poi magri comprare le nostre aziende strategiche sottocosto e questo non possiamo assolutamente permetterlo.

Sostenuto che sia necessario fare la guerra all'Europa e lanciate accuse a casaccio, si passa a sostenere che Salvini è temuto perché sarebbe l'uomo più intelligente e capace del mondo:

Fino ad oggi le politiche volute da Bruxelles non hanno dato risultati se non negatici per la nostra economia. Se questo governo ci riuscisse, per di più ribaltando i loro paradigmi economici, sarebbe una sconfitta per l’Europa e avrebbe un’enorme conseguenza: anche altri paesi potrebbero sentirsi più che legittimati a seguire le orme dell’Italia. Ecco cosa spaventa realmente l’Unione Europea, oggi.

Ed è sostenendo che sarebbe colpa dell'Europa se l'economia non parte (stupidi noi a pensare che la colpa sia dei mancati investimenti, dell'assenza di infrastrutture, di una giustizia lenta e di accise ed iva maggiori agli altri Paesi), Pasini pontifica:

L’Italia ha provato a sue spese cosa succede se si seguono le ricette europee: il nostro paese è fanalino di coda in tutti i parametri. Ci siamo affidati a un dottore che per anni ci ha curato male a modo suo senza risultati e ora il governo vuole giustamente cambiare la terapia. Anche perché peggio di cosi non si può arrivare. Questo governo vuole rivedere l’impianto della governance Ue, con criteri di equità e sostenibilità. Questo vento di critica nei confronti dell’Ue soffia in tutta Europa, non si tratta di un problema solo italiano ma è una presa di coscienza di largo respiro. Diciamoci la verità: se l’Italia uscisse dall’euro sarebbe uno svantaggio in primis per i tedeschi. Loro si avvalgono di un surplus commerciale superiore a quello della Cina, sforando tutte le regole Ue, perchè traggono vantaggio da una moneta che per loro è notevolmente sottovalutata grazie proprio alla presenza di paesi come l’italia. In parole povere: se avessero ancora il marco, non esporterebbero nemmeno un pacchetto di patatine. Se noi uscissimo dall’euro, determineremmo un crollo dell’economia tedesca e aggiungo che per l’Italia corrisponderebbe solo ad un grande vantaggio uscire dall’Europa. l’Italia riconquisterebbe la propria autonomia e la propria sovranità e sopratutto la propria dignità che le cancellerie europee per mano di governi di sinistra lori schiavi ci hanno sottratto con l’inganno.

Glie economisti dicono che uscire dall'Euro sarebbe un suicidio. Pasini giura che il nazionalismo, il sovranismo e l'idenitarismo siano quello che lui esige venga inflitto ai figli degli altri. Ma lui dice che basti sostenere che gli europei siano «bastardi» e poi si può vomitare tutta la dietrologia che si vuole.
3 commenti