Carovana dei migranti diretti negli Usa, molti sono membri della comunità lgbt



Hanno camminato per quasi un mese e un primo gruppo di migranti della carovana partita ad ottobre dall’Honduras è arrivato al confine con gli Stati Uniti. Si tratta di circa 300 persone, molti dei quali appartenenti alla comunità Lgbt. Oltre a rincorrere il "sogno americano", cercano asilo perché discriminati o perseguitati nei loro paesi di origine.
«Siamo stati discriminati anche all’interno della carovana», denunciano.
I primi 75 membri della comunità Lgbt erano arrivati a Tijuana già settimana scorsa, attendendo di essere ospitati in un rifugio prima di entrare in California. La carovana è composta soprattutto da honduregni, ma anche di cittadini provenienti dal Guatemala e da El Salvador.
Commenti