Fratelli d'Italia spaccia la bandiera ungherese per quella italiana



Sebbene questo blog tratta solitamente di discriminazione mi sembra giusto parlare di una cosa che riguarda lo stato italiano. Sembra incredibile come il partito che dice di avere più a cuore l'italica italicità non sia nemmeno in grado di riprodurre la nostra bandiera nazionale. Nella folle richiesta del partito di chiedere il 4 novembre come festa nazionale (giorno della vincita dell'Italia nella prima guerra mondiale) e di abolire le feste del 25 aprile e del 2 giugno dato che sono "divisive" (si sa che la nascita della repubblica e la liberazione dal fascismo sono cose che dividono l'Italia) hanno fatto la solita figuraccia. In parlamento, facendo caciara, hanno srotolato un tricolore per poi potersi lamentare del trattamento riservato sui social. Peccato che la bandiera era quella ungherese e non italiana. Quella italiana ha la base di ogni colore lunga 1/3 della base della bandiera (che è il lato più lungo) come si può leggere nella nostra costituzione all'articolo 12:"La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni". Mentre quella ungherese ha i colori (di un ordine analogo) lunghi quanto la base. Che dire, un ennesima dimostrazione che chi si dice maggiormente patriottico è il più ignorante nel conoscere il proprio stato. Avere i massimi esponenti politici di un partito in Italia che non sono in grado di fare quello che un bambino dell'asilo sa fare è una profonda vergogna per l'Italia e per il genere umano.

Marco S.
5 commenti