Lotta all'HIV, l'università di Chieti vieta la discribuzione di preservativi



In vista della Giornata internazionale per la lotta all'HIV, l'Università di Chieti ha vietato qualunque distribuzione gratuita di preservativi all'interno dell'ateneo, di fatto privando i suoi studenti dell'unico mezzo per potersi proteggere dalle malattie sessualmente trasmissibili.
Davanti a quell'assurda decisione, i volontari di Arcigay hanno annullato la loro prevista partecipazione all'evento organizzato sindacato degli studenti di Medicina, organizzando un "controevento" di informazione e formazione, gratuita e aperta a tutti, nella sede di viale Maiella 72.

«L’università dovrebbe essere un luogo di cultura e scienza -dicono e continuiamo a non capire quale possa essere il problema del distribuire preservativi all’interno di uno spazio, come quello del bar di Farmacia, che raccoglie perlopiù studenti e studentesse di Medicina, di Farmacia, Infermieristica e Professioni sanitarie, oltre a personale medico e professori e professoresse professionisti. Spinti dell’importanza di questa giornata e della necessità di continuare ad informare tutti e tutte sul tema dell’Hiv e di tutte le altre Ist, i nostri volontari e le nostre volontarie saranno presenti questa mattina nei pressi dell'università, per distribuire materiale informativo sulle Ist e preservativi per una sessualità libera e consapevole».
2 commenti