Creare fake news per scherzo. Siamo arrivati a questo...



Quasi non bastassero le fake-news che vengono quotidianamente immesse in rete per inquinare il dibattito politico o per condizionare l'opinione pubblica, ora arriva pure chi ci vuole lucrare. In rete sono nati siti che si occupano di generare fake-news, offrendo la possibilità di poter bullizzare i propri compagni di classe o di offendere chiunque si desideri attraverso la creazione di notizie false da condividere sui social network.

Tra falsi più innocenti che parlano di nomine a Miss Italia o di vittorie sportive, non mancano accuse che rasentano la diffamazione. Il tutto con la possibilità di pubblicare nomi, cognomi e fotografie e riferimenti geografici con cui verrà generata una paginetta che possa accusare il malcapitato o la malcapitata di terrorismo, blasfemia, violenze o atti contro la morale. Chi lo desidera, può anche annunciare un falsi incidente che avrebbe causato la morte di qualcuno, ritenendo divertente datene notizie sulla propria pagina Facebook.

Tra gli «scherzi» generati (e tutti rigorosamente esposti al pubblico ludibrio), difficile è non notare la grande quantità di fotografie che ritraggono minorenni che si ritrovano, a loro insaputa, la loro fotografia, il loro nome, la loro residenza pubblicati in una falsa notizia dal chiaro tono diffamatorio. Con le bestemmie e la blasfemia che pare divertire tanto i più giovani (in fondo Forza Nuova dice che il problema dei cristiani siano i gay credenti), troviamo articoli come:


Creare fake news per scherzo e divertirsi con la diffamazione... il mondo è davvero caduto in basso.
3 commenti