Il calendario dei calciatori del Vicenza per l'Altopiano di Asiago



I giocatori del Vicenza Calcio si sono spogliati davanti all'obiettivo del fotografo italo-inglese Julian Hargreaves per dar vita ad un calendario finalizzato alla raccolta di fondi a favore dell'Altopiano di Asiago, colpito lo scorso ottobre da piogge torrenziali che hanno distrutto gran parte del patrimonio boschivo.
La squadra biancorossa ha dunque voluto fare la sua parte, realizzando dodici scatti ispirati allo stile delle cartoline anni ’70. I calciatori della squadra hanno così posato in mutande davanti ad alcuni tra i più noti scorci della città: Piazza dei Signori, la Basilica Palladiana e il Teatro Olimpico. Ed è qui che entra in gioco il bigottismo italiano.
Sostenendo che il mostrare chiese sullo sfondo sia un'offesa ai fondamentalisti cattolici, l'ex vicesindaco Jacopo Bulgarini d'Elci ha attaccato: «L'attuale sindaco ha tuonato più volte contro spettacoli teatrali di artisti blasonati perché troppo audaci per l'Olimpico, considerato luogo sacro, ma i ragazzi in mutande vanno bene? Il centrodestra cittadino si riempie la bocca ogni giorno della parola “tradizione” e onora il marcantonio in slip davanti al Santuario di Monte Berico».
In fondo, se a volere il presepe è chi gode nel vedere migliaia di disperati sbattuti per strada, perché mai non si dovrebbe sostenere che per «rispetto» dei bigotti si debba vietare la beneficienza? Il tutto in quel paradigma tutto italiano in cui la politica si impone su tutto e pretende di poter strumentalizzare qualunque cosa a fini propagandistici.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]
1 commento