Il cambiamento climatico è colpa di satana. parola del capo di gabinetto del ministro Fontana



Nella Lega di Matteo Salvini, nulla è mai colpa del maschio padano di pelle bianca. Lo stupro sarebbe colpa di donne che «se la sono cercata», i giovani non si sposerebbero per colpa delle unioni civili e i bambini «diventerebbero» omosessuali «per moda» a causa del «gender nelle scuole». Ora il capo di gabinetto del ministero per la famiglia, Cristiano Ceresani, se n'è uscito sostenendo che il cambiamento climatico sarebbe colpa di Satana.
Se ci si può spettare assai poco da un ministero creato ad uso del fondamentalismo e diretto dall'ultra-integralista Lorenzo Fontana, l'aver raccolto i peggiori estremisti cattolici al fine di perseguire una ridefinizione della famiglia sulla base delle richieste avanzate da Massimo Gandolfini e da Brian Brown sta dando i suoi frutti peggiori. Ed è così che, ospite di Uno Mattina, il leghista ha paragonato il ruolo che la Bibbia attribuisce al demonio nella Parusia agli attuali sconvolgimenti ambientali:

Nell’uomo agiscono forze trascendenti, nel cuore dell’uomo agisce la tentazione, io nel libro cerco di spiegare come il fatto che Satana, negli ultimi tempi che precedono la Parusia, sarà scagliato sulla Terra con grande furore, sapendo che gli resta poco tempo proprio per prendere di mira il creato e la creazione, è un dato teologico. (…) Perché andando a leggere nelle Scritture questo tema dello sconvolgimento finale viene evocato? Lo paragono a quel che accade oggi, e quel che accade oggi è qualcosa di totalmente inedito nella storia dell’umanità, che non è mai accaduto.

Insomma, stupidi noi a pensare che gli effetti del cambiamento climatico siano la conseguenza di politiche scriteriate, come quella proposta di legge avanzata dalla Lega che, all'indomani delle alluvioni che hanno devastato l'Italia miravano, ha proposto di permettere di scavare il letto dei fiumi nell'incurante di come la produzione di ghiaia a basso costo comporterebbe ulteriori ripercussioni ambientali sul sistema idrico italiano.
5 commenti